Consigli di viaggio - Esperienze

Grotta di Chauvet: una galleria d'arte di 36.000 anni

Scritto da Redazione , 31/03/20

La grotta è un Patrimonio dell'Umanità UNESCO dal giugno 2014!

Situata nel comune di Vallon-Pont-d'Arc, vicino al famoso Pont d'Arc che segna l'ingresso alle gole dell'Ardèche, la grotta Chauvet-Pont d'Arc, scoperta nel 1994 da tre appassionati speleologi, è un capolavoro di arte parietale preistorica.

Grotta Chauvet: pitture rupestri

Questa grotta con pitture rupestri del Paleolitico custodisce infatti più di mille disegni, tra cui figurano non meno di 425 figure animali che mostrano 14 specie diverse! Risalenti al periodo aurignaziano, questi dipinti e queste incisioni sono tra le più antiche al mondo.

La tecnica usata dagli gli uomini di Cro-Magnon nella grotta di Chauvet è sofisticata: stupiscono, infatti, non solo i contorni e le linee molto accurate e precise, ma anche i colori utilizzati (nello specifico, il rosso e il nero) e la resa del senso della profondità, che rendono realistiche soprattutto le scene di animali in movimento.

Questa capacità pittorica datata in epoca paleolitica ci racconta di quanto sia stata primordiale la volontà dell’uomo di rappresentare il mondo intorno a sé, anche quello sfuggente e indomabile come appunto lo sono gli animali selvaggi.

È quindi lecito dedurre che l’arte, in questo caso la pittura, sia stata da sempre un’attività affascinante per l’essere umano. Anzi, forse non è azzardato ipotizzare che risponda a un bisogno, a un’esigenza che risiede in una parte molto, molto profonda dell’animo umano.

Grotta di Chauvet: visita virtuale

La grotta di Chauvet a Vallon-Pont-d’Arc racchiude un ecosistema estremamente delicato: il suo equilibrio può essere facilmente compromesso.

Per preservare questo luogo unico, chiuso al pubblico dal momento della sua scoperta, è stato realizzato uno spazio costituito da cinque edifici. Si tratta di una riproduzione della grotta Chauvet e di una mostra permanente dedicata all'aurignaziano e all'arte parietale, la cui apertura è stata inaugurata il 25 aprile 2015 nel sito di Razal, a Vallon-Pont-d'Arc.

Si tratta di una riproduzione perfetta della grotta di Chauvet, ricostruita con tecniche computerizzate molto sofisticate proprio davanti all'originale. Tutti gli elementi geologici – pareti, rocce, stalattiti – e quelli artistici – disegni e pitture parietarie – sono stati riprodotti in scala 1:1. Anche questa, un’operazione straordinaria e che non ha eguali al mondo.

Chiuso al pubblico, ma aperto in AR. Fai il tour virtuale adesso!

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Immagine descrittiva - BY Diritto d'autore : Rudolf Ernst /123RF c

Parigi

Centro della moda, dell’arte e della cultura, Parigi è una delle città più importanti d’Europa ed ospita il quartier generale dell’UNESCO. La capitale della...

Altri Suggerimenti

La grande Firenze dei Medici: origini e opere

La grande Firenze dei Medici: origini e opere

Tour nello sfarzo della grande Firenze dei Medici, tra personalità e opere che hanno fatto la storia del Rinascimento italiano.

Andare in Sicilia in auto: il percorso perfetto

Andare in Sicilia in auto: il percorso perfetto

Se il vostro sogno è andare in Sicilia in auto non perdete i nostri consigli sul perfetto drive tour dell'isola.

Viaggio tra le più belle grotte da visitare in Calabria

Viaggio tra le più belle grotte da visitare in Calabria

Partiamo per un affascinante tour delle più belle grotte da visitare in Calabria, da quelle della costa tirrenica a quella ionica.

Torino città magica: tour tra i luoghi della magia

Torino città magica: tour tra i luoghi della magia

Torino città magica tour è l'inediata passeggiata notturna tra i luoghi della magia bianca e della magia nera. Paura?

Sciare in Italia al tempo del Covid: dove andare

Sciare in Italia al tempo del Covid: dove andare

Dove e come sciare in Italia al tempo del Covid? Dove andare? Ecco qualche consiglio per sciare in Italia in sicurezza.

La vera storia dei Bronzi di Riace

La vera storia dei Bronzi di Riace

Erano solo i due che conosciamo? Si tratta di davvero di opere greche? Scopriamo insieme la vera storia dei Bronzi di Riace.