News

Giardini delle Esperidi Festival a Zagarise, 31 ottobre - 1 novembre

Scritto da Redazione , 14/10/20

Giardini delle Esperidi prende il via il 31 ottobre per due intense giornate di arte, teatro, libri nei luoghi che da sempre animano il festival. Si terrà a Zagarise infatti, come tutti gli appuntamenti di sabato, l’incontro di apertura Giardini delle Esperidi Festival sul Cammino Basiliano.

Aree interne. Prospettive e progettualità post-covid che ci permetterà di analizzare il futuro del settore più colpito dalla pandemia, quello degli eventi dal vivo, in un territorio che fino a oggi ha tentato di valorizzare i progetti culturali. A dialogare su una riorganizzazione della promozione turistica il sindaco di Zagarise Domenico Gallelli, il direttore artistico Maria Faragò, Carmine Lupia (Etnobotanico e Ideatore del Cammino Basiliano), Francesco Curcio (Presidente Parco Nazionale della Sila), Anna Parretta (Presidente Regionale Lega Ambiente), Pino Scaglione (Architetto) e Francesco Bevilacqua (avvocato-scrittore).

Tra le performance della giornata, ‘Amalìa, reading teatrale di Imma Guarasci, un monologo scritto e diretto da Maria Faragò che racconta la storia di Cecilia Faragò nata proprio a Zagarise, l’ultima donna costretta a subire un processo di stregoneria nel regno di Napoli.

A grande richiesta allieteranno il pomeriggio le donne del borgo con le loro voci guidate da Caterina Pontrandolfo. Le ultime Atlantidi di Zagarise è il risultato di un laboratorio musicale basato sulla ricerca etnoantropologica della Pontrandolfo che unisce tradizioni diverse per fare del canto un racconto fisico e itinerante. In serata la stessa cantante si esibirà nel suo nuovo progetto Entrai na vida a cantar, un attraversamento passionale ed emotivo del mare sonoro di alcune voci femminili della musica del Novecento: Maria Carta, Gabriella Ferri, Billie Holiday, Oum Kalthoum, Mia Martini, Violeta Parra, Edith Piaf, Amalia Rodriguez. 

Non mancheranno i libri: Beniamino Donnici con Ci resta una madre (Rubbettino), la storia della Beata Elena Aiello, Il Grido del Silenzio di Bakhita Ranieri (Il Cristallo edizioni) presentato insieme a Maurizio Bonanno, una storia di salvezza in cui “non si è mai grandi abbastanza” e Alla scoperta di Zagarise di Guglielmo e Irma Opipari (Calabria Letteraria editore). Libri di autori calabresi che scrivono su e per il territorio alimentando quella ricchezza di caratteristiche e tradizioni che accomunano e che dividono chi lo vive. 

Ma l’evento più atteso si terrà la mattina di domenica 1 novembre, il trekking poetico alla Pietra del Ruvazzo attraverso il Cammino Basiliano. La Pietra del Pettirosso fu luogo d'incontro dei briganti, che qui prestavano giuramento. Si tratta di uno dei monoliti che delimitavano il confine della Regia Sila, su cui ancora oggi è ben visibile un’iscrizione che risale al periodo del Viceregno spagnolo. Secondo la leggenda, invece, i monoliti disseminati nella vallata del Crocchio sarebbero i massi scagliati dalle ninfe per lapidare Petraro, il rozzo pastore che avrebbe violentato la ninfa Arochas. Per la pietà delle divinità, la ninfa sarebbe stata trasformata in un fiume chiamato dai greci Arochas, successivamente Crocchia e quindi Crocchio. Il Cammino attraversa in questa zona meravigliose faggete, abetine e pinete di laricio e percorre la vecchia strada borbonica che collegava il golfo di Squillace con Cosenza. La strada, scavata nel terreno, si utilizzava per portare il legname, la neve delle neviere e i prodotti del sottobosco nei paesi collinari o sulla costa. Si attraversa inoltre una zona dove si estraeva il quarzo utilizzato dalle industrie per smaltare soprattutto le stufe. Prima della zona Campanò, nel punto più alto, è possibile ammirare, nelle giornate serene, i due mari, le Eolie, l'Aspromonte e l'Etna. Scorrono i secoli ma non muta la magia di questi luoghi, già popolati in antico e, a partire dal medioevo, vera risorsa, anche spirituale, di piccole e grandi comunità monastiche o di solitari cercatori della luce.

A ristorare le due giornate e sempre su prenotazione i pranzi e cene tematici di Anna Aloi con IGB A casa tua e Consorzio di Tutela Patata della Sila IGP, entrambi sponsor del Festival. 
Tutti gli eventi si svolgeranno nel pieno rispetto delle norme anticovid e sarà obbligatoria la mascherina. Benché si tratti di eventi all’aperto in luoghi molto ampi è consigliata la prenotazione per garantire la partecipazione in sicurezza ai visitatori. 
 

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Leggi anche:

Immagine descrittiva - c

Zagarise

L’abitato di Zagarise, e più precisamente il suo centro storico, si divide in due nuclei essenziali, uno si sviluppa intorno al Castello Normanno e l’altro...

Altri Suggerimenti

Calabria stellata: quando la terra ispira il gusto

Calabria stellata: quando la terra ispira il gusto

Incoronata regina della gastronomia italiana dal New York Times, la regione si racconta attraverso storie di eccellenze e successi: è la Calabria...

Occhialì e Le Castella, storia di un pirata calabrese

Occhialì e Le Castella, storia di un pirata calabrese

There is a magical place in Calabria specifically located in the province of Crotone.  It is Le Castella, where the cry "Mamma li turchi!"  

Giro stregato dall’acqua, da Reggio Calabria ad Acquappesa

Giro stregato dall’acqua, da Reggio Calabria ad Acquappesa

In questa 6° tappa cominciamo la risalita della Penisola dalla Calabria, con un Giro stregato dall’acqua, da Reggio Calabria ad Acquappesa, tra gli incantesimi...

Zungri, la piccola Petra calabrese

Zungri, la piccola Petra calabrese

Ai piedi del Monte Poro, poco distante da Tropea e dalla splendida Costa degli Dei esiste un luogo magico, noto come “Grotte degli Sbariati”, che poco ha da...

Le Persephoni di Bova, tra sacro e profano

Le Persephoni di Bova, tra sacro e profano

Nel borgo calabrese di Bova, durante la Domenica delle Palme, si celebra la sfilata delle Persephoni. Scopri di cosa si tratta!

Nella gola delle Valli Cupe, il secondo canyon d’Europa

Nella gola delle Valli Cupe, il secondo canyon d’Europa

Camminiamo in fila indiana, stretti tra pareti sedimentarie che ci sovrastano; un rivolo d’acqua cristallina ci scorre accanto. Non siamo in Arizona, al centro del...