c
Tradizioni

Viaggio a Cervia città del sale: cosa vedere, come arrivare

Scritto da Redazione , 07/06/19

Situata nell'area meridionale del Parco Regionale del Delta del Po, la città di Cervia è storicamente legata alla produzione del sale. Un viaggio a Cervia, dunque, non può prescindere dalla scoperta di questa importante tradizionale locale e dalla visita alle Saline di Cervia, tra le più antiche d'Italia.

Cosa vedere a Cervia

Cervia, "città del sale" nel Delta del Po, vanta una tradizione antica: le sue saline erano probabilmente già in funzione in epoca etrusca, se non addirittura nel periodo romano e costituiscono il più importante legame con questo particolare territorio e il contesto naturalistico, paesaggistico e manifatturiero nel quale sono immerse.

1. L'Ecomuseo del Sale e del Mare

Prima tappa del nostro viaggio a Cervia, le saline sono al centro di una splendida visita che contempla l'Ecomuseo del Sale e del Mare: un percorso immersivo alla scoperta del rapporto uomo-mare e dell'economia locale che si fa valore assolutamente identitario.

Parte dell'itinerario, il MUSA - Museo del Sale, il Magazzino del Sale "Torre", dove è possibile ammirare ancora oggi documenti originali, foto d'epoca, strumenti e un plastico che riproduce le saline, oltre alla "burchiella", l'imbarcazione tipica utilizzata per il trasporto del minerale dalle saline ai magazzini di stoccaggio.

Nell'allestimento, un ponte attraversa la riproduzione geografico-territoriale della costa e dell'entroterra, ponendo l'attenzione sul territorio nel suo rapporto tra saline, città e mare. La grande vela che domina questo spazio esibisce i colori tipici della marineria cervese a testimonia l'onore di chi interagisce col mare quale fonte di vita.

Il sale, oro bianco di Cervia, protagonista indiscusso di questo percorso, viene proposto in un delicato intreccio di natura, storia, chimica, lavoro, memoria e sapori. Tema centrale è anche l'esperienza dei salinari, che rappresentano un punto focale nella crescita del territorio e della città, animando i luoghi di incontro, come il mercato e le saline, e tramandando l'antico mestiere, vero e proprio rito, della raccolta del sale.

Le case dei salinari, situate nel perimetro della città, furono disegnate dall’architetto Francesco Fontana: rispettivamente a nord e a sud erano presenti le porte per uscire ed entrare nella città, mentre nella via centrale furono costruite 13 case più ampie, munite di cortili, stalle, legnaie e magazzini.

Raccolta del sale (fine XIX secolo) 

2. Il centro storico, tra arte e cultura

Il viaggio a Cervia prosegue con una passeggiata nel suo centro storico, che vanta numerose chiese, ciascuna delle quali con una propria identità storica, artistica e tradizionale. Gli appassionati d'arte devono assolutamente fare un salto all'interno del Palazzo Comunale, dove è possibile visitare la mostra permanente di opere di Maceo Casadei. 

La Cattedrale di Cervia, edificata nel 1699 su progetto di Fontana, presenta una facciata semplice, in pietra viva, ed è affiancata dalla torre campanaria. Al suo interno si possono ammirare sei cappelle laterali, ciascuna delle quali custodisce opere d’arte interessanti, come ad esempio la tela raffigurante il patrono della città, San Paterniano, e un fonte battesimale del '700. 

3. La Pineta di Cervia

Le aree verdi sono il vero tesoro da non perdere in un viaggio a Cervia, un patrimonio di cui la pineta, declamata anche da Dante e Byron, è la protagonista assoluta:

un'immensa riserva naturale in cui flora e fauna si riproducono in modo rigoglioso grazie alle particolari condizioni territoriali e climatiche. La Pineta di Cervia si popola così di rari esemplari protetti e ospita al suo interno un tesoro nel tesoro: la Casa delle Farfalle, un’enorme serra che riproduce il clima e la vegetazione delle grandi foreste pluviali, in cui volano libere centinaia di farfalle.

La secolare pineta, da anni calamita per il turismo, fa da sfondo anche alla celebre città-giardino di Milano Marittima, sorta ai margini della distesa nel 1912.

Cosa fare a Cervia

L'offerta culturale e mondana della città è davvero vasta e accontenta tutti i gusti. Un viaggio a Cervia è anche un viaggio all'insegna del benessere, per fruire delle sue rinomate terme:

le Terme di Cervia, bellissimo e moderno impianto, grazie all'acqua salso-bromoidica, estremamente benefica e curativa, offrono un'ampia gamma di trattamenti estetici e salutari.

La pineta è protagonista di numerosi eventi, tra i quali gli imperdibili appuntamenti musicali della kermesse "Pineta all'Imbrunire": la rassegna che propone di ascoltare musica in un’ambientazione totalmente naturale, oltre a far conoscere l’antico e profumato bosco di pini ed entrare a fare parte dell'ambiente quando gli animali che lo popolano si preparano a trascorrere la notte.

Cosa mangiare a Cervia

Durante il viaggio a Cervia è d'obbligo assaggiare le ricette tipiche a base del suo "Oro Bianco", il Sale di Cervia.

Il sale dolce di Cervia, utilizzato anche nella cosmesi, è alla base di alcuni piatti locali davvero prelibati, come ad esmpio il rinomato Cioccolato al Sale dolce e i formaggi freschi al sale. Da gustare anche il pesce, il miele di Cervia e i vini, come il DOC di Cervia. 

Come arrivare a  Cervia

Organizzare un viaggio a Cervia è davvero semplice, sia che si utilizzi l’automobile, sia che si preferiscano il treno o l’aereo.

Come arrivare a Cervia in auto

Da Nord:
autostrada A14 Bologna-Ancona
uscite: Ravenna (direzione Lidi Sud – Rimini), Cesena Nord, prendere la superstrada E 45 direzione Ravenna, uscire a Casemurate e proseguire in direzione Cervia S.S. 254 (km 16), Cesena, prendere la S.S. 71 bis direzione Cervia (km 12).

Da Nord-Est:
S.S. 309 Romea fino a Ravenna, proseguire con la S.S. 16 Adriatica direzione Lidi Sud.

Dal Centro-Sud:
Superstrada E 45 uscita Casemurate, proseguire in direzione Cervia.

Da Sud:
autostrada A14 Bari – Bologna uscita Cesena, poi prendere la S.S. 71 bis direzione Cervia (km 12).

Come arrivare a Cervia in treno

La stazione ferroviaria di riferimento è quella di Cervia-Milano Marittima, che si trova sulla linea Ferrara-Ravenna-Rimini. I collegamenti frequenti consentono di raggiungere tutte le principali città italiane ed europee. A circa 20 km si trova la stazione di Cesena, sulla linea Bologna-Ancona.

Come arrivare a Cervia in aereo

L'aeroporto più vicino a Cervia, collegato con le più importanti città italiane ed europee, è l'Aeroporto Internazionale di Bologna (km 90).

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia 

Comune

Cervia

Collocata nel'are sud del Parco Regionale del Delta del Po, Cervia è legata alla produzione del sale. Le Saline di Cervia erano probabilmente già in funzione in...

Altri Suggerimenti

Natale nel Parco Nazionale delle Cinque Terre: Presepe di Manarola

Tradizioni

Natale nel Parco Nazionale delle Cinque Terre: Presepe di Manarola

Il Parco Nazionale delle Cinque Terre è un "must" Natale: da non perdere il Presepe di Manarola, il più grande al mondo.

Capodanno Cinese 2020: data e durata del nuovo anno cinese

Tradizioni

Capodanno Cinese 2020: data e durata del nuovo anno cinese

Conosciuto come Festa di Primavera, il Capodanno Cinese è la festa più importante dell’anno. Scopri le date e la durata del nuovo anno cinese 2020. 

Autunno in Barbagia 2019: tradizione e ospitalità sarda

Tradizioni

Autunno in Barbagia 2019: tradizione e ospitalità sarda

La tradizione è la tua passione? Scopri "Autunno in Barbagia", una delle rassegne itineranti più belle d'Italia, nel folklore della Sardegna interna.

Viaggio a Torre Pellice, tra i valdesi d'Italia

Tradizioni

Viaggio a Torre Pellice, tra i valdesi d'Italia

Centro principale della Chiesa Valdese italiana, Torre Pellice racconta volentieri la sua storia e le sue tradizioni ai visitatori che desiderano scoprirle.

Genzano di Lucania, vacanze al sud tra folklore e gastronomia

Tradizioni

Genzano di Lucania, vacanze al sud tra folklore e gastronomia

Genzano di Lucania e la sua campagna da cartolina una vacanza in Basilicata all'insegna della tradizione, del folklore e della buona cucina.

Vacanza a Mazara del Vallo: Sicilia araba tra mare e cultura

Tradizioni

Vacanza a Mazara del Vallo: Sicilia araba tra mare e cultura

A Mazara del Vallo come a Tunisi: prima conquista araba in Sicilia, la città conserva la Kasbah del centro storico, punto fisico di un luogo che profuma d’Oriente