c
Comune

Sorianello

Sorianello, (Vibo Valentia)

Sorianello fa parte della Comunità Montana Alto Mesima/Monte Poro, nelle Serre Vibonesi. Secondo alcuni studiosi le sue origini risalirebbero all'età dei Goti, il suo toponimo attuale è un diminutivo del nome del centro contiguo di Soriano Calabro, fu un possedimento dei Carafa di Nocera e successivamente entrò nelle proprietà del Monastero di San Domenico di Soriano. A testimonianza delle numerose invasioni barbariche, le spesse mura di cinta attorno al centro storico, visibili ancora oggi. Tra i luoghi da visitare, la Chiesa di San Giovanni Battista, nella parte alta del paese, dove si può ammirare un panorama suggestivo, all'interno della quale è possibile ammirare una scultura del Cristo scolpita nel legno, opera probabile del Müller, e una statua lignea cinquecentesca raffigurante Gesù. Sul versante opposto, ai piedi del paese, la Chiesa di San Nicola, la più antica di Sorianello, che ancora conserva, scampati al terremoto del 1783, un pregevole altare in marmo, i resti del vecchio pavimento e il campanile con campane risalenti al 1520. La struttura edificata sui resti del castello feudale ospita all'interno un piccolo Museo Parrocchiale, dove sono conservati dipinti a olio di scuola napoletana del Settecento e altre opere d’arte di proprietà delle chiese. Nella Chiesa di Santa Maria del Soccorso è possibile ammirare l'altare maggiore barocco, in marmi policromi, proveniente dalla distrutta chiesa di San Domenico in Soriano. Nei dintorni, si consiglia il tour del Parco "Valle dei Mulini", un parco con mulini ad acqua ereditati dai tempi antichi che servivano per la lavorazione dei cereali, oggi rimessi a nuovo. Nel Parco sono presenti un laghetto artificiale alimentato dal fiume Cornacchia, che attraversa la valle, i ruderi degli antichi insediamenti dei monaci basiliani, la Chiesetta di San Bruno, con accanto un albero di ulivo secolare dove si ritiene che il Santo abbia sostato. Il Museo della Civiltà Contadina, creato nel 1995, si trova invece all'interno di Palazzo Imeneo-Florenzano (sede municipale). 

Cosa vedere