Castello Normanno - Museo d'Arte Contemporanea Bilotti - ViaggiArt
Museo

Castello Normanno - Museo d'Arte Contemporanea Bilotti

Piazza Giuseppe Garibaldi, 9, Rende, (Cosenza)

Il Castello, o "Gigante di Pietra", fu edificato nel 1095 per ordine di Boemondo d'Altavilla. La particolare morfologia del colle garantiva una difesa naturale, per cui l'edificio fu dotato solo di feritoie per archi e balestre, un'enorme cisterna per la raccolta dell’acqua piovana e una cinta muraria spessa più di due metri. Le uniche strutture difensive, oltre alla torre centrale, sono le due torri laterali, che insieme rappresentano lo stemma del Comune già a partire dal 1222. Tuttora nell'atrio del castello è possibile ammirare due stemmi araldici delle famiglie succedutesi nella proprietà: i Magdalone e gli Alarçon de Mendoza. Il Castello, proprietà del Comune dal 1922, è stato sede del Municipio fino al 2011 ed è attualmente sede del Museo d'Arte Contemporanea Bilotti. Il Museo, nato dalle donazioni private di Roberto Bilotti Ruggi d'Aragona, espone una significativa varietà di opere d'arte contemporanea, dalla pittura alla scultura, dalla fotografia alle installazioni e alla videoarte. L'esposizione permanente include opere di Andy Warhol, Claudio Abate, Mario Ceroli, Luigi Ontani, Bruno Ceccobelli, ecc., ma anche opere di artisti più giovani come Chiara Dynys, Omar Galliani, Guentalina Salini, Maurizio Savini e Pietro Ruffo – del quale è esposto il grandissimo carro armato tedesco della Seconda  Guerra Mondiale, realizzato in legno e ricoperto dalle pagine di un libro di preghiere ebraiche intagliate in forma di scarabei. Accanto alla collezione permanenete trovano posto periodiche mostre temporanee, tra le quali spicca l'iniziativa "Scatole d'Artista", nell'ottica di  un Museo che sia anche laboratorio di cultura, luogo d’incontro per eventi, conferenze, seminari e workshop.

Info:

Accesso consentito ai disabili

Rende

Rende

Rende si estende lungo il corso occidentale del fiume Crati fino alle Serre cosentine, degradando dalle colline su cui sorge il centro storico fino alla città moderna, sede dell’Università della Calabria. Secondo la leggenda, intorno...

Booking.com