c
News

“Riscoperte” all’Ischia Film Festival: la nuova sezione 

Ischia, (Napoli) 2 mesi fa Tempo di lettura: meno di 1 minuto

Si chiama Riscoperte la nuova sezione dell’Ischia Film Festival - dal 29 giugno al 6 luglio 2019 ad Ischia – dedicata alla scoperta di un altro cinema italiano che riporta l’attenzione del grande pubblico a vecchie pellicole ingiustamente sottovalutate, trascurate o addirittura rimosse. 

Ci sono autori e titoli che, partendo dai luoghi in cui hanno deciso di raccontare le loro storie, meritano particolare attenzione: è questo l’obbiettivo di Riscoperte, nuova piccola sezione dell’Ischia Film Festival che per questa diciassettesima edizione ha deciso di inserire questa importante novità. 

Le proiezioni del programma 2019 dedicate alla ri-scoperta sono di tre grandi maestri che hanno segnato la storia del cinema italiano: Valerio Zurlini, Giuseppe De Santis e Antonio Pietrangeli. A introdurre le proiezioni dei loro film Gianni Canova, critico cinematografico e volto noto anche per la tv.

«Le storie del cinema, come quelle della letteratura, della musica, dell’arte, non sono mai scritte una volta per tutte – dichiara Canova –. Ogni epoca ha la necessità (e, forse, anche il dovere) di riscriverle. Di riguardare il passato a partire dal proprio punto di vista. Cioè da nuove sensibilità, nuove urgenze, nuove angolazioni prospettiche. Sono maturi i tempi perché si guardi anche alla storia del cinema italiano da prospettive un po’ diverse da quelle consolidate e abituali. Perché si esplorino altre strade. E si sottopongano a verifica i canoni e i valori tradizionali».

Ad inaugurare la nuova sezione “Estate violenta”, la pellicola del 1959 diretta da Zurlini – Nastro d’argento a Elena Rossi Drago come miglior attrice. Seguono “Io la conoscevo bene” film vincitore di 3 Nastri d’argento (Miglior regista ad Antonio Pietrangeli, Miglior sceneggiatura a Ettore Scola, Antonio Pietrangeli e Ruggero Maccari e Miglior attore non protagonista a Ugo Tognazzi) e “Italiani brava gente”, la pellicola di guerra di Giuseppe De Sanctis ambientato durante la Campagna Italiana di Russia.

La diciassettesima edizione dell’Ischia Film Festival è realizzata con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Generale Cinema, della Regione Campania, del Comune d’Ischia, e con il sostegno di Campari, BPER Banca, Artisti 7607 e Mini.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Potrebbero interessarti