A casa del commissario Montalbano - ViaggiArt
Luoghi di Carta

A casa del commissario Montalbano

CC BY
1 anno fa
Modica, (Ragusa)

La penna di Andrea Camilleri  ci conduce oggi a casa del commissario Montalbano, nel vivo di nuovi episodi  e disavventure del ruvido e amatissimo Salvo, alias Luca Zingaretti, e del suo solerte commissariato, in un mondo di pura invenzione descritto – e sceneggiato nella fiction Tv di Andrea Sironi – con un verismo tale da trasformarlo in un itinerario di luoghi assolutamente reali.

Immaginiamo di svegliarci nella casa di “Marinella” – il borgo marinaro di Punta Secca (Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa) – e sorseggiare il primo caffè della giornata sulla splendida terrazza affacciata sul mare in compagnia del nostro commissario.

Improvvisamente squilla il telefono e il simpatico Catarella farfuglia di un nuovo caso da risolvere. A bordo della Fiat Tipo partiamo verso il commissariato di “Vigàta” (o della questura di “Montelusa”) per ritrovarci abbagliati dalla bellezza tardobarocca di Scicli, Patrimonio UNESCO, e dei suoi palazzi nobiliari.

L’indagine prosegue nella “città sorella” di Modica, adagiata in figura di melagrana spaccata”, per citare Gesualdo Bufalino, tra le colline che la circondano. Vari scorci della Vigàta di Montalbano sono stati immortalati in questo museo all’aperto (“Il cane di terracotta”), con la sfarzosa facciata del Duomo di San Giorgio a svettare in un ritaglio di cielo turchino.

Ma Vigàta è anche tra i vicoli di Ragusa Ibla, profumati di gelsomino e zagare, che ci introducono nell’ufficio del ragionier Gargano (“L’odore della notte”) e nella mitica trattoria “Da Calogero”, dove il vice Augello ci raggiunge per gustare i tanto agognati spaghetti ai ricci di mare.

Sul far della notte, ecco che una “soffiata” ci conduce dritti all’abitazione del vecchio e pericoloso boss Balduccio Sinagra. Quando uno dei suoi scagnozzi ci viene incontro, il commissario grida prontamente, “Montalbano sono!”, e le porte dell’incantevole Castello di Donnafugata si spalancano solo per noi.

 

Eliana Iorfida

 

PhCredits: Di OkkiprojectOpera propria, GFDL, Collegamento

Modica

Modica

Nel 2002 è stata inclusa, insieme con la Val di Noto, nella lista dei Patrimoni dell'Umanità dell'UNESCO per il suo centro storico, ricco di architetture barocche.  Il Duomo di San Giorgio viene spesso indicato come monumento simbolo...

Booking.com