La Corona Ferrea: Dio me l’ha data e guai a chi me la toglie! - ViaggiArt
Destinazioni

La Corona Ferrea: Dio me l’ha data e guai a chi me la toglie!

CC BY
2 anni fa
Matera

La Corona Ferrea o Corona di Ferro è una corona antica usata dall’Alto Medioevo fino al XIX secolo per l’incoronazione dei re d’Italia.

All’interno della corona c’è una lamina circolare in metallo che, secondo la tradizione, venne forgiata con il ferro di un chiodo che servì alla crocifissione di Gesù.

Per questo la corona è venerata come una “reliquia” custodita nel Duomo di Monza nella Cappella di Teodolinda.

Sempre secondo la tradizione, durante i lavori per la costruzione della Basilica costantiniana furono trovati gli strumenti della Passione di Gesù, e la “vera Croce” con i chiodi ancora conficcati. Elena, madre dell’imperatore Costantino I, lasciò la Croce a Gerusalemme e portò i chiodi con se. Con uno di essi creò un morso di cavallo, l’altro lo fece montare sull’elmo di Costantino affinché fosse protetto in battaglia.

L’incoronazione più famosa è quella all’interno del duomo di Milano del 1805. Qui Napoleone Bonaparte si incoronò re d’Italia.

Nel rito egli si impose da solo la corona sul capo, pronunciando la frase: “Dio me l’ha data e guai a chi me la toglie!”.

La Corona Ferrea è piccola per cingere la testa di un uomo e per questo si ritiene che in origine fosse composta di otto placche invece che sei.

La corona è custodita in una cassaforte protetta da due porte.

Chiara Colacresi

PhCredits: Di James Steakley – photographed in the Theodelinda Chapel of the cathedral of Monza, CC BY-SA 3.0, Collegamento

Matera

Matera

Matera, capoluogo dell'omonima provincia è la seconda città della Basilicata per popolazione. Nota anche come "Città dei Sassi" e "Città Sotterranea" per gli storici rioni Sassi, uno dei nuclei abitativi più antichi al mondo, primo...

Booking.com