c
Italia

Mantova Capitale Italiana della Cultura 2016

Scritto da Eliana Iorfida, 28/10/15

Sospesa tra cielo e terra, la bellezza sognante di Mantova si specchia sulle acque dei tre laghi che la circondano e ispira da sempre generazioni di scrittori: Torquato Tasso, Baudelaire, Dickens e Corrado Alvaro l’hanno descritta in modi diversi, sull’onda di sensazioni contrastanti, rapiti dai suoi paesaggi irreali che sfumano nella nebbia, tra giunchi, canneti e salici. Città nata dalle acque – che una leggenda vuole siano le lacrime dell’oracolo Manto – e attraversata dai ponti, regala fiabe e visioni indimenticabili, come la fioritura estiva del loto a tappezzare la superficie del Lago Superiore.

Città etrusca, poi romana, attraversata da goti, bizantini, franchi e longobardi, visse il massimo splendore nel Rinascimento, sotto i Gonzaga. Per scoprirne il centro storico, inforchiamo la bicicletta e, attraversando Ponte San Giorgio, raggiungiamo l’omonimo e maestoso Castello quattrocentesco, parte del grande complesso diPalazzo Ducale. Quella che scorgiamo lassù in alto, sulla torre di destra, è la finestra della bellissima “Camera degli Sposi” (o “Camera Picta”) che il Mantegna affrescò in onore di Ludovico Gonzaga e Barbara di Brandeburgo. Alla nostra sinistra, si apre Piazza Sordello e più in là, il Duomo di San Pietro, che con le sue cinque navate ci stordisce di bellezza.

Girato l’angolo, ecco la Casa di Rigoletto, deforme buffone di corte protagonista dell’opera di Giuseppe Verdi. La sua favola drammatica di gobbo dal cuore generoso rivive nell’immaginario collettivo e nella scultura in bronzo, opera di Aldo Falchi, che lo ritrae al centro del piccolo e raccolto giardino interno.

Da vera “Capitale della Cultura”, Mantova si popola ogni anno di scrittori, artisti e lettori, dando vita nel mese di settembre all’ormai tradizionale Festival della Letteratura.

E siccome nella nostra bella Italia la cultura passa anche per il cibo, ci sembra il periodo ideale per concludere questa visita con l’assaggio del prodotto principe della cucina mantovana: la zucca. Coltivata in modo intensivo e qualificato, è declinata in decine di appetitose ricette tradizionali.

 

Eliana Iorfida

 

PhCredits

Altri Suggerimenti

Alvar Aalto e la Chiesa di Riola

Italia

Alvar Aalto e la Chiesa di Riola

Sapevate che il piccolo centro di Riola di Vergato, in provincia di Bologna, custodisce una perla preziosa dell’architettura internazionale? Si tratta della Chiesa...

Confesercenti e ViaggiArt, insieme per portare le Pmi turistiche su smartphone e web

Italia

Confesercenti e ViaggiArt, insieme per portare le Pmi turistiche su smartphone e web

Roma, 6 maggio 2015. Un accordo a favore della digitalizzazione delle piccole e medie imprese del turismo, portando sugli smartphone bar, ristoranti e attività...

Accordo Europcar – Viaggiart. Noleggi l’auto e scopri i luoghi della cultura intorno a te

Italia

Accordo Europcar – Viaggiart. Noleggi l’auto e scopri i luoghi della cultura intorno a te

Salire a bordo di un’auto a noleggio in qualunque località del Bel Paese e scaricare – attraverso un QR code comunicato al momento del ritiro della vettura –...

Lavora con noi. 5 Sales Account (Puglia, Basilicata, Sicilia, Calabria e Campania)

Italia

Lavora con noi. 5 Sales Account (Puglia, Basilicata, Sicilia, Calabria e Campania)

Le figure ricercate avranno l’obiettivo di creare e di sviluppare, sotto la responsabilità del team di ViaggiArt, un portafoglio di nuovi clienti in autonomia e...

Giornata della Memoria 2015 – L’omaggio di Viaggiart

Italia

Giornata della Memoria 2015 – L’omaggio di Viaggiart

Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario – Primo LeviIn occasione della “Giornata della Memoria”  il 27 Gennaio 2015 ,  ViaggiArt rende...

CWA. ViaggiArt migliore startup del 2014

Italia

CWA. ViaggiArt migliore startup del 2014

Inizia con due premi il 2015 di ViaggiArt. “Miglior sito viaggi e turismo” e “Migliore startup del 2014” ai Calabria Web Awards, atto conclusivo della...