Muretti a secco UNESCO c
Idee di Viaggio

Itinerario tra i muretti a secco del sud Italia

Scritto da Redazione , 07/12/18

Dichiarati Patrimonio Immateriale UNESCO, i caratteristici muretti a secco del Mediterraneo ci ispirano un viaggio a sud, tra i muretti di pietra che hanno fatto la storia del paesaggio e del vivere contadino di una volta.

Itinerari sud Italia, ecoturismo tra muretti a secco e masserie 

L’arte dei muretti a secco affonda le sue radici nella storia millenaria del Bacino del Mediterraneo: soluzione ingegnosa per contenere, delimitare e terrazzare gli spazi agricoli anche su versanti di terra impervi, i muri a secco in pietra rappresentano un sapere antico, tramandato per generazioni, al quale l’UNESCO ha riconosciuto il valore di patrimonio culturale immateriale.
    
Un patrimonio immateriale sì, che tuttavia si traduce in manufatti “materialissmi”: una muratura a secco che richiede grande maestria di posa. Vi state chiedendo come fare un muro a secco? ViaggiArt ha girato la domanda a un maestro di muri a secco in pietra, secondo il quale:

“Il trucco per dare stabilità al muretto è prestare molta attenzione allo scavo delle fondamenta, con un solco ben tracciato lungo il quale disporre i filari di pietre avendo cura di posizionare le più grosse alla base, riempendo gli spazi liberi con la terra”. 

1. In Puglia, tra i muretti a secco salentini

Tra le regioni promotrici della candidatura dell’arte deimuretti a secco come Patrimonio Immateriale UNESCO c’è proprio la Puglia, dove la tecnica costruttiva della muratura a secco è un forte tratto distintivo dell’intero paesaggio regionale, dal Salento alla Capitanata, dove i muri in pietra a secco rappresentano il lavoro dell’uomo rispettoso dell’ambiente, testimonianza di una storia contadina antica che mantiene intatta la sua autenticità nel tempo. 

Un itinerario nel Salento, alla ricerca dei terrazzamenti a secco, ci porta anche a scoprire masserie di campagna e prodotti tipici pugliesi, per un’esperienza a stretto contatto con la natura, da godere a ritmo lento.

2. Gli Orti saraceni di Tricarico

La Basilicata non è da meno, quanto all’arte dei muretti a secco: nel Comune di Tricarico, ad esempio, a ridosso dei quartieri arabi della Ràbata e della Saracena, gli arabi realizzarono i cosiddetti Orti Saraceni, giardini terrazzati delimitati dai caratteristici muretti a secco in uso ancora oggi.

Orti Saraceni e Torre

A testimonianza di una pratica diffusa in tutta l’area mediterranea, la città di Tricarico è nota come “arabo-normanna”, grazie a uno dei centri storici medievali più importanti e meglio conservati della Basilicata, nel quale gli antichi quartieri si sviluppano secondo in un perfetto schema "a fuso", tipico delle città medievali realizzate sui colli, costruito attorno alla bellissima Cattedrale di Santa Maria Assunta, voluta da Roberto il Guiscardo, nella quale, nel 1383, Luigi I d'Angiò fu incoronato re di Napoli.

3. I muretti a secco in Calabria e Sicilia

Questi particolarissimi Beni Immateriali UNESCO segnano allo stesso modo il paesaggio di Calabria e Sicilia.

L’area della cosiddetta Costa Viola calabrese ad esempio, tratto litoraneo compreso tra Palmi e Reggio Calabria, è da sempre caratterizzata dalla presenza di muretti a secco realizzati con pietre posate una sull’altra e il solo utilizzo di terra asciutta, secondo le regole antiche dettate da un’agricoltura “eroica” e da un rapporto rispettoso tra uomo e natura.

Il paesaggio della Costa Viola, con i suoi terrazzamenti, rappresenta un contesto di grande fascino per storia, leggende e tradizioni tutte mediterranee.

In Sicilia, tra le pertinenze del Castello di Donnafugata, sontuosa dimora del tardo ‘800, si dislocano una serie di masserie dalla struttura inconfondibile, che vede al centro “u bàgghiu“, il cortile interno, attorniato dalle case dei “massàri“. Intorno, il paesaggio disegnato dai muretti a secco siciliani, punteggiato da alberi di carruba e dagli uliveti del ragusano.

Castello e Parco Donnafugata

Le stesse masserie venivano costruite a secco, senza malta e senza intonaco, dai contadini esperti che conoscevano ogni segreto delle meravigliose campagne del sud Italia.

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti anche:

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Comune

Tricarico

La città di Tricarico è nota come “arabo-normanna”, grazie a uno dei centri storici medievali più importanti e meglio conservati della Basilicata, nel quale...

Altri Suggerimenti

Viaggio a Sofia: città capitale della Bulgaria

Idee di Viaggio

Viaggio a Sofia: città capitale della Bulgaria

Sofia, città capitale della Bulgaria è la terza città più antica d’Europa. Si presta per il tour di una giornata, lasciando tempo per scoprire cosa vedere in Bulgaria.

Cosa vedere a Mormanno, tra i borghi più belli del Pollino  

Idee di Viaggio

Cosa vedere a Mormanno, tra i borghi più belli del Pollino  

Arroccato sui monti, l’antico borgo di Mormanno, nel cuore del Parco Nazionale del Pollino ha tutto il fascino di un presepe. 

MUSE Trento e altri musei nella città dove si vive meglio

Idee di Viaggio

MUSE Trento e altri musei nella città dove si vive meglio

Partendo dal MUSE Trento, il Museo della Scienza, scopriamo cosa vedere nella città cui si vive meglio

Fuga dal Natale e Capodanno al caldo: dai Tropici ai Caraibi

Idee di Viaggio

Fuga dal Natale e Capodanno al caldo: dai Tropici ai Caraibi

Il periodo di Natale è il migliore per programmare le vacanze invernali al caldo approfittandone delle ferie natalizie. 

Lorica, viaggio nel cuore del Parco Nazionale della Sila

Idee di Viaggio

Lorica, viaggio nel cuore del Parco Nazionale della Sila

ViaggiArt vi propone il viaggio perfetto per scoprire questo affascinante villaggio. Ecco cosa non perdere a Lorica. 

Cosa vedere a Matera, dalla Cattedrale di Matera al MUSMA Matera

Idee di Viaggio

Cosa vedere a Matera, dalla Cattedrale di Matera al MUSMA Matera

Cosa vedere a Matera oltre ai Sassi? Tanto! Dalla Cattedrale di Matera al MUSMA Matera, passando per "case cave", chiese rupestri e biblioteche.