Comune

Foiano di Val Fortore

Foiano di Val Fortore, (Benevento) Tempo di lettura: circa 2 minuti
Foiano di Val Fortore (Fuiànë in campano) è un comune italiano di 1.486 abitanti della provincia di Benevento in Campania. Geografia È posta sul primo piegarsi del versante adriatico, in fondo ad una valle, sulla sinistra del Fortore e cinta da alti monti. Ha una superficie agricola utilizzata in ettari (ha)2221,25. Terreno calcare-argilloso ed in pendio, quindi molto soggetto allo smottamento dopo copiose piogge. Evoluzione demografica Abitanti censiti Storia Derivato probabilmente da Forum Ianl ma la sua prima forma onomastica è Fuganum che fa pensare invece ad un proedium Fuganum dei Romani, forse popolato dagli abitanti di San Firmiano, Vasto, San Biase, San Donato e Renzicoppa, nei quali sono evidenti ruderi di antichi casali romani, forse abitati dai Vescellini, di cui Plinio. Probabilmente verso VIII secolo, una colonia di Faganensi o Folianensi dovette andare a stabilirsi sulle alture del Taburno, dove ora è Foglianise. Nel secolo XVI in contrada San Giovanni a Mazzocca a circa 5 km da Foiano, sull'alto del monte San Marco (1.007 m) sorgeva, un antico e grandioso Monastero di Benedettini, eretto nel centro di un ricco ed antico possedimento, accanto ad una chiesa forse del VII secolo, dedicata al Beato Giovanni Eremita sulle rovine di un tempio a Polluce Già nel secoli XVII e XVIII tale Monastero era oggetto di rapine ed aggressioni da parte dei banditi di Foggia, tanto che chi doveva passare per il bosco di Mazzocca faceva prima testamento. Essendo poi verso la fine del XVIII, il bosco divenuto possesso del Duca di Molinara, questi lo risanò, dividendolo in quote ai cittadini di Foiano che vi esercitavano gli usi civici. Quelle località nei tempi feudali, erano celebrate per l'abbondatissima cacciagione e selvaggina su cui i monaci esigevano vessatorie prestazioni: se un cacciatore uccideva un cervo, doveva cederne loro la coscia destra, se un cinghiale, la spalla. Uno degli Abati Commendatari di Foiano fu il Vescovo di Thiene Mons. Gurtler, confessore della regina Maria Carolina d'Austria, il quale beneficiò molto i paesi che erano sotto la sua giurisdizione. Dominio feudale: sotto gli Angioini fu nel possesso della Badia di S. Maria Mazzocca poi passò ai De Capitanei di Novara, quindi alla Badia di San Bartolomeo in Galdo Eretta con questa in Commenda, passò successivamente a parecchi Cardinali, quindi tornata feudo, ai Guevara di Bovino, ai Carafa, ai Gonzaga, agli Spinelli di Buonalbergo ed ai Caracciolo. Nel 1607 passò sotto la giurisdizione civile e penale dei Gesuiti di Benevento, che la tennero fino alla loro abolizione (1773). Fino al 1811 Foiano appartenne alla provincia di Foggia, poi passò al Molise dove vi rimase fino al 1861, passo poi definitivamente alla provincia di Benevento. Tra i feudatari di Foiano e Baselice, quegli che lasciò la più triste fama d'immane tiranno fu Ottavio Carafa, la cui tomba è nella chiesa di San Leonardo in Baselice (sec XVI), fama che riempie ancora di paura il popolino foianese e baselicese, il quale vive nella credenza che quando il Dio, vorrà punire i due paesi per i loro peccati, manderà loro un discendente di Ottavio Carafa. Monumenti e luoghi di interesse Campanile, in cima alla città vecchia Chiesa di Santa Maria di Gualdo di Mazzocca, sec. XI Chiesa della Madonna del Rosario Chiesa di San Giovanni Amministrazione Note ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 277. ^ (aggiornata all'anno 2000) (Camera di Commercio di Benevento, dati e cifre, maggio 2007) ^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28-12-2012. ^ (Alfonso Meomartini, i Comuni della provincia di Benevento, ed. Ricolo,1977). Bibliografia Iamalio Antonio, La regina del Sannio, ed. Ardia, Napoli, 1918 Voci correlate Fortore Comunità montana del Fortore Altri progetti Commons contiene immagini o altri file su Foiano di Val Fortore

Ci spiace, non siamo in grado di mostrarti nulla di bello.

Se vuoi suggerirci un luogo da visitare, un evento o se vuoi raccontarci una storia su Foiano di Val Fortore, scrivi una email a info@viaggiart.com