c
Come fare

Voli low cost, meglio sapere che…

Scritto da Redazione , 17/10/19

Negli ultimi anni si sono diffusi in modo progressivo i voli low cost: voli a basso costo che permettono ai viaggiatori di spostarsi facilmente senza spendere grandi cifre. Attenzione però, è meglio sapere che...


Il boom di questa soluzione di viaggio è da rintracciarsi appunto nella possibilità offerta a tutti di viaggiare e conoscere luoghi nuovi. Prima il viaggio era considerato comunque elitario, un bene che ci si concedeva una volta l’anno, magari durante l’estate, adesso però il discorso è cambiato e anche i giovanissimi riescono con pochi soldi ad organizzare viaggi con una certa convenienza e frequenza. I costi sono semplificati ovviamente andando a puntare sulla maggiore distribuzione e rispettando quindi una scala che premia la quantità di voli venduti.

Cosa sono i voli low cost?

Il termine low cost deriva dall’inglese e vuol dire a basso costo. Questo fenomeno nasce in America ben trenta anni fa con una compagnia denominata Southwest Airlines che nel 1971 decise di offrire i voli a metà prezzo. Vista la funzionalità di questa operazione negli anni Novanta si è diffusa la tendenza in Europa. I voli vengono definiti senza fronzoli perché, per far fronte a un costo basso, sono eliminati tutti quei servizi accessori che un tempo facevano parte del pacchetto e che ancora oggi sono offerti dalle compagnie di bandiera o per chi acquista i biglietti di classe superiore. 

Le offerte economiche quindi puntano all’essenzialità. Questo non vuol dire minore sicurezza ma semplicemente tagli ad alcuni extra non necessari come i pasti, la possibilità di trasportare il bagaglio in stiva, minor personale a bordo. Le compagnie aeree low cost sono tantissime, ci sono le più conosciute come Ryanair e Easyjet ma anche tante altre meno famose che effettuano ogni giorno tantissimi voli in ogni parte del mondo.

Per risparmiare bisogna giocare in anticipo

Il concetto del low cost funziona ma bisogna essere furbi e preparati. Molto spesso, se si effettua una ricerca ravvicinata alla data di partenza o il giorno prima, i prezzi delle low cost possono essere anche più elevati delle normali compagnie. Questo perché tali aziende puntano alla vendita massiva, aggiudicarsi una buona fetta di prenotazioni quando partono le offerte e comunque molto tempo prima. 

Successivamente i prezzi tendono a salire vertiginosamente, fino ad arrivare anche a cifre stellari. Per questo motivo chi vuole acquistare un viaggio e spendere poco deve farlo in anticipo, tenendo d’occhio sconti e promozioni periodiche e soprattutto evitando i periodi più bollenti come Natale, Pasqua, Capodanno. L’ideale è, secondo il sistema, prenotare circa otto settimane prima della partenza. Complessivamente è bene valutare e tenere d’occhio il costo del volo, questo subisce sempre degli slittamenti al rialzo e al ribasso.

Mai dimenticare di effettuare il check in online

Quando si viaggia con una compagnia low cost solitamente viene data una scadenza per effettuare il check in online. Ryanair permette di effettuarlo solo trenta ore prima del viaggio, altre compagnie come Easyjet un mese prima, altre ancora chiudono due ore prima del volo e così via. Dov’è il trucco? In primo luogo molte di queste aziende se non viene effettuato il check in pretendono il pagamento di un extra per farlo direttamente in aeroporto. In secondo luogo, situazione ancora più gravosa, è la possibilità di incorrere in un terribile overbooking. Questa tecnica viene applicata da tutte le compagnie aree per ogni volo. In pratica le aziende vendono un numero di biglietti maggiore rispetto ai posti effettivi perché ci sono delle stime che attestano la possibilità di un tot di viaggiatori che rinuncia sempre all’ultimo minuto. 

Quando accettate le clausole e acquistate il biglietto, accordate il permesso all’azienda ad effettuare tale pratica. Una volta arrivati in aereo, l’overbooking se c’è colpisce soprattutto coloro che non hanno effettuato il check in online e che quindi sono privi del posto a sedere assegnato. Arrivati in aereo potreste in questo caso non avere la possibilità di scegliere un posto. La compagnia proporrà sempre a dei volontari di rinunciare al volo, tuttavia bisogna chiarire che se nessuno sarà disposto a farlo saranno coloro che non hanno effettuato preventivamente il check in a rimanere a terra (con dovuto rimborso e pernottamento gratuito offerto dalla compagnia).

Posti a sedere a pagamento e nessun bagaglio

Viaggiare con la low cost vuol dire rinunciare ad alcuni benefici. I due principali sono l’impossibilità di scegliere il posto a sedere e di portare bagaglio da stiva o borsetta aggiuntiva. Questo sistema è soggettivo e varia da azienda ad azienda. C’è chi come Ryanair offre la possibilità di portare a bordo solo uno zaino e assegna automaticamente i posti separati anche a chi ha effettuato la prenotazione assieme e chi come Transavia consente di portare un trolley a bordo con borsetta e permette di scegliere il posto in fase di check in. 

Ovviamente alla base c’è la differenza tra le due compagnie che pur essendo low cost non offrono gli stessi servizi e prezzi. Ryanair è certamente quella che ha i voli maggiormente economici e quindi in generale è quella che ha pochissimi servizi a bordo e per il viaggio.

Tagli e risparmi per rendere i biglietti economici

Avere un biglietto low cost vuol dire rinunciare ad una serie di caratteristiche extra perché la parola d’ordine per i vettori è risparmio. Questo vuol dire che le aziende fanno di tutto per tagliare le spese e lo si vede anche dal personale di bordo che è stato ridotto all’osso. Un’altra parte che viene tagliata è la riduzione del turnaournd, ovvero la sosta degli aeromobili tra un volo e un altro. Basta notare che questi fanno scendere i passeggeri e ne caricano immediatamente di nuovi per ripartire. Tra le spese ci sono anche l’alimentazione elettrica e le scalette (basti notare quanto sono strette e scomode quelle di Ryanair). Altro risparmio viene fatto dalle compagnie attraverso la flotta, le aziende si dotano di uno massimo due tipi di velivoli. Questo vuol dire un gran risparmio economico. In giro la scelta ricade sempre sul Boening 737 e l’Airbus 319 e 320 che ha più posti a sedere.

Pressurizzazione interna

Avrete notato che quando si viaggia nei voli low cost c’è sempre tantissima gente che dorme. Questo fenomeno è dovuto alla pressurizzazione interna dell’aeromobile. Quando si parte, l’aereo deve mantenere una pressurizzazione, ovvero l’altitudine, introno ai 6000/8000 piedi e non oltre. Questo perché quando si continua a salire l’emoglobina diminuisce, il corpo assume meno ossigeno e il fisico si stanca. Tuttavia pare che alcune compagnie low cost tendano a pressurizzare meno la cabina rispetto al normale per avere un risparmio di carburante pari a migliaia di euro.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Comune

Parma

Capitale della Musica, Parma diede i natali ad Arturo Toscanini, ospita le spoglie di Niccolò Paganini e ogni anno in ottobre, mese di nascita del grande...

Altri Suggerimenti

Documenti per visitare gli USA: cosa occorre?

Come fare

Documenti per visitare gli USA: cosa occorre?

Un viaggio per gli USA richiede il possesso di documenti specifici, a differenza di una vacanza in Europa o in un altro Paese extra-Ue. Se viaggiamo senza visto, è obbligatorio compilare il modulo ESTA  sarà necessario disporre del passaporto. E anche se

Cosa portare in valigia per Natale?

Come fare

Cosa portare in valigia per Natale?

Se per Natale avete deciso di andare in vacanza per le classiche mete di montagna o in giro per le grandi capitali europee a camminare tra luci e vetrine addobbate a festa, è essenziale che portiate con voi tutto il necessario per ogni evenienza, trascorr

Crociera: cosa mettere in valigia

Come fare

Crociera: cosa mettere in valigia

Il momento della partenza è sempre ricco di enfasi, tuttavia c'è una delle fasi che divide un po' i viaggiatori: l'attimo di preparare il bagaglio.

Viaggio condiviso: ecco come risparmiare

Come fare

Viaggio condiviso: ecco come risparmiare

La sharing economy è l’economia della condivisione, un principio che ha caratterizzato i viaggi nell’ultimo decennio e che continua a svilupparsi in modo capillare, soprattutto perché è sinonimo di Viaggio condiviso e del come risparmiare

Come viaggiano i cani in aereo

Come fare

Come viaggiano i cani in aereo

Grazie a numerose campagne di sensibilizzazione e a una maggiore attenzione da parte delle compagnie aeree, viaggiare con un cane è diventato più semplice e confortevole, soprattutto per il nostro amico a quattro zampe

Jet lag, cos'è e come evitarlo

Come fare

Jet lag, cos'è e come evitarlo

Un disturbo molto comune, che si verifica spesso quando si cambiano più fusi orari e quindi, solitamente, quando si affronta un viaggio intercontinentale. Vediamo come evitarlo