• Seguici sui nostri social
  • facebook
  • twitter
  • instagram
Comune

Civitella di Romagna

Civitella di Romagna, (Forlì-Cesena) Tempo di lettura: circa 2 minuti
Civitella di Romagna (Zivitèla in romagnolo) è un comune italiano di 3.800 abitanti della provincia di Forlì-Cesena in Emilia-Romagna. Il centro abitato è sito circa 30 km a Sud del capoluogo, Forlì, alle pendici del colle Girone e alla destra del fiume Ronco-Bidente. Il nome deriva dal latino Civitatula (cittadella). Storia Originariamente l’insediamento era racchiuso entro la cinta muraria, dominata dalla maestosa Abbazia di Sant'Ellero di Galeata. Il toponimo viene richiamato nell’anno 996 come facente parte della Chiesa di Ravenna. In seguito il paese fu assimilato dai conti di Giaggiolo fra i loro possedimenti, e rimase tale fino al 1276, anno in cui, a seguito della battaglia di Civitella, i Manfredi di Faenza presero possesso del luogo che, nel 1462, passò poi ai Malatesta e successivamente a Napoleone Orsini e ai veneziani del duca d’Urbino. Nel XVI secolo, i soldati del Conestabile di Borbone, in transito per la zona diretti a Roma, approfittarono per depredare il paese, che fu in seguito saccheggiato anche dalle truppe agli ordini di Odoardo Farnese nelle loro scorribande. Gli sconvolgimenti che Civitella subì nei secoli furono dovuti anche a devastanti terremoti. Dopo essere stata disputata da varie signorie, a seguito del tramonto di queste forme di governo Civitella divenne parte dello Stato Pontificio. Nel 1785 il limitrofo Granducato di Toscana fece istanza presso la Chiesa per riottenere dodici parrocchie confinanti fra le quali Civitella, che vennero annesse alla diocesi di Bertinoro. A fine Ottocento questo paese ha dato i natali a due personaggi storici che andarono a scrivere pagine importanti della storia d'Italia: Nicola Bombacci, che nel 1921 assieme ad altri fondò il Partito Comunista e Leandro Arpinati che insieme a Benito Mussolini fu fra i fondatori del primo fascismo. Monumenti e luoghi di interesse Architetture religiose Il santuario della Beata Vergine della Suasia Chiesa di Santa Maria in Borgo Chiesa del Castello o di Sant’Antonio Oratorio di San Filippo Architetture militari Rocca di Civitella Castello di Cusercoli Società Evoluzione demografica Abitanti censiti Etnie e Minoranze Straniere Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 588 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano: Marocco 147 (3,83%) Macedonia 124 (3,23%) Albania 82 (2,14%) Cina 59 (1,54%) Romania 46 (1,20%) Cultura Persone legate a Civitella di Romagna Nicola Bombacci, politico Francesco Di Biasi, giurista Leandro Arpinati, politico Ido Zanetti, pilota Medaglia d'oro al valor militare Antonio Zanetti, pilota Medaglia d'oro la valor aeronautico Feste e Sagre Fiera dei Santi: si svolge il 1º novembre. Vi è una grande mostra-mercato di bovini, suini, ovini e caprini, assieme ad un grande mercato lungo le vie del paese. Carnevale civitellese: sfilata di carri allegorici che si svolge dal 1961 due domeniche di febbraio. Sagra della ciliegia: si svolge l'ultima domenica di giugno. Vengono messe in mostra le varietà di ciliegie dei coltivatori della zona. Via Crucis: sacra rappresentazione che si svolge in aprile. Amministrazione Risultati delle elezioni del 2009 Bergamaschi Pierangelo (centrosinistra) 47.02 % Miliffi Pietro (centrodestra) 40.08 % Cecchini Angelo (civica) 12.89 % Note ^ Comune di Civitella di Romagna - La Storia, Sito del Comune. URL consultato il 14 agosto 2013. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28-12-2012. Bibliografia Addis Sante Meleti, Cronistoria di Civitella di Romagna e dintorni, Grafiche Marzocchi editrice, 2001. Altri progetti Wikisource contiene il testo completo sul Regio Decreto 24 agosto 1862, n. 802, che autorizza alcuni comuni a variare la loro denominazione Commons contiene immagini o altri file su Civitella di Romagna Collegamenti esterni Carnevale Civitellese

Cosa vedere