Comune

Calestano

Calestano, (Parma)
Calestano (Calistan in dialetto parmigiano) è un comune di 1.958 abitanti della provincia di Parma, a circa 30 km dal capoluogo di provincia Parma.Cenni storiciCalestano è un borgo di origine medievale situato sulle pendici dei monti sulla destra orografica del torrente Baganza, nell’omonima valle, parallela a quella del Parma. I recenti interventi di mantenimento e valorizzazione dei diversi edifici antichi che ancora compongono il vecchio nucleo ne portano in luce le antiche origini. Vecchi portali, finestre tamponate, cornici e architravi rimandano a costruzioni databili dal Quattrocento all’Ottocento.In età medievale la zona era compresa nei feudi della famiglia Fieschi, originaria della Liguria e che aveva dato nel Duecento un vescovo a Parma. Tali feudatari promossero gli statuti, una raccolta di norme che disciplinava i vari settori di attività della società rurale dell’epoca, similmente a quanto accadeva, nel tardo medioevo, anche in altre località dalle caratteristiche analoghe (per esempio gli statuti approvati dai Rossi, conti di Corniglio. Nella prima metà del Seicento i possessi passarono alla famiglia Tarasconi. Il feudo come tale venne soppresso con le riforme napoleoniche che eliminarono tale istituzione.Durante la seconda guerra mondiale, nel periodo dell'occupazione tedesca e della Repubblica Sociale Italiana, trovarono rifugio a Calestano i tre componenti della famiglia ebrea dei Mattei, profughi da Fiume. A nasconderli, con la connivenza del maresciallo dei carabinieri Giacomo Avenia e del podestà Ugo Gennari, fu la famiglia di Ostilio e Amelia Barbieri, con i figli Giulia, Elena e Alberto. Anche quando Ostilio Barbieri fu deportato in Germania, la famiglia continuò ad assistere i Mattei, i quali si trasferirono quindi in montagna nella vicina frazione di Canesano sotto la protezione di don Ernesto Ollari, dove rimasero fino alla Liberazione. Per questo impegno di solidarietà, il 2 agosto 1999, l'Istituto Yad Vashem di Gerusalemme ha conferito l'alta onorificenza dei giusti tra le nazioni ai coniugi Ostilio e Amelia Barbieri, al maresciallo Giacomo Avenia e a don Ernesto Ollari. Il 20 luglio 2000, il Parlamento Italiano ha istituito il 27 gennaio come Giorno della Memoria a ricordo delle vittime dell’Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita protessero i perseguitati.Evoluzione demograficaAbitanti censiti AmministrazioneGalleria immaginiNote^ Comune di Calestano - Statuto.^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 116.^ Guglielmo Capacchi, Dizionario Italiano-Parmigiano. Tomo II M-Z, Artegrafica Silva, pp. 895ss.^ Israel Gutman, Bracha Rivlin e Liliana Picciotto, I giusti d'Italia: i non ebrei che salvarono gli ebrei, 1943-45 (Mondadori: Milano 2006), pp.26-28.^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28-12-2012.Altri progetti Commons contiene immagini o altri file su Calestano Wikivoyage contiene informazioni turistiche su CalestanoCollegamenti esterniMappa Google-Map di Calestano

Ci spiace, non abbiamo ancora inserito contenuti per questa destinazione.

Puoi contribuire segnalandoci un luogo da visitare, un evento oppure raccontarci una storia su Calestano. Per farlo scrivi una email a redazione@viaggiart.com