Consigli di viaggio - Esperienze

Sciare a Cervinia: impianti e piste aperte

Scritto da Redazione , 14/02/20

Tra la coda dell'inverno e l'inizio della primavera c'è una sola cosa da fare: sciare a Cervinia! Scopri con noi Cervinia, impianti e piste aperte anche in estate, per chi proprio non sa rinunciare all'adrenalina di una bella discesa innevata in ogni stagione.

Breuil-Cervinia, ovvero una delle località sciistiche più famose dell'arco alpino, i cui impianti sono collegati con quelli di Zermatt, sul versante svizzero del Monte Cervino, e con quelli di Valtournenche, formando un unico comprensorio sciistico che vanta oltre 350 km di piste: il Matterhorn Ski Paradise.

Comprensorio Cervinia

Grazie all'altezza considerevole del comprensorio (2000-3500 metri sul versante del Breuil, fino ai 3900 metri della Gobba di Rollin sul versante svizzero), sciare a Cervinia è possibile praticamente sempre: la stagione sciistica si prolunga dai primi di novembre ai primi di maggio, senza trascurare lo sci estivo sulle piste del ghiacciaio del Plateau Rosa, utilizzando gli impianti svizzeri.

Breuil-Cervinia è inoltre uno dei punti di partenza per scalate alpinistiche sul Cervino, vetta che ha fatto la storia dell'alpinismo europeo, e percorsi escursionistici di media e alta quota.

Cervinia: piste aperte

Se vistate chiedendo quali sono a Cervinia le piste aperte, sappiate che anche a stagione inoltrata, grazie alla quota elevata su cui si diramano, le piste restano quasi tutte aperte: dalla mitica Ventina, che termina la sua discesa proprio in paese, ai tracciati del Cretaz e a quelli di Cieloalto, tutti comunicanti tra loro attraverso una fitta rete di impianti di risalita. 

Pista del Ventina

Dai 3.500 metri di Plateau Rosa, il più blasonato balcone bianco delle Alpi, lo sguardo può spaziare dal Cervino al Monte Bianco (m. 4810) e al Monte Rosa (m.4.633), dal Gran Paradiso (m. 4.061) alle montagne del Piemonte, con l’inconfondibile profilo del Monviso (m. 3.841), a quelle più vicine della Savoia e della Svizzera.

Dal Plateau Rosa partono gli 11 Km di tracciato classico, quello che si conclude a Cervinia. Il famoso muro del Bardoney è la chicca di questa pista, perfetto per essere sciato tutto d’un fiato.

Qualche consiglio? Non disdegnate una sosta di metà percorso in uno dei tanti accoglienti bar-rifugio o per ammirare il panorama con la macchina fotografica a portata di mano.

Colle del Theodulo

Altra via d'ingresso al comprensorio svizzero di Zermatt, il Colle del Theodulo è legato a una nota di storia locale...

Fin dalla metà del XVI secolo veniva utilizzato dagli abitanti della Valtournenche per commerciare con i vicini svizzeri, passando proprio dove ora ci sono le piste da sci per raggiungere le principali città del Vallese.

La città delle pietre – Pancheron

Come dire l’altra faccia del Cervino. Da qui è possibile arrivare fino a Cervinia paese, là dove partono le seggiovie del Cretaz e la Pancheron, il “Nobile Scoglio”.

La seggiovia Pancheron (6 posti, cupola di protezione, barra sicurezza bambini) ha contribuito ad ampliare la già ricca offerta di questo comprensorio che è il Cretaz. L’impianto consente di raggiungere quota 3000 in meno di dieci minuti.

Cieloalto

Se la pista del Ventina è la più celebrata, non meno famosi sono i tracciati dell’area ski di Cieloalto, dove negli anni ’70 si sono disputate gare di Coppa del Mondo.

Pendii ripidi, la cui parte finale è avvolta nel bosco, assecondano le esigenze dello sciatore più esperto, che cerca la propria gratificazione tecnica su percorsi impegnativi dall’inizio alla fine.

Cervinia: sci estivo

Lo sci estivo a Cervinia è un must sulle piste del ghiacciaio del Plateau Rosa, utilizzando gli impianti svizzeri.

D'estate si può inoltre giocare a golf, presso il Golf Club del Cervino, a 18 buche, uno dei campi situati ad altezza più elevata nel mondo, con i suoi 2050 m) fondato nel 1955.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Immagine descrittiva - CC BY-SA Di Дмитрий Ретунских - Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=14655626 c

Altri Suggerimenti

La grande Firenze dei Medici: origini e opere

La grande Firenze dei Medici: origini e opere

Tour nello sfarzo della grande Firenze dei Medici, tra personalità e opere che hanno fatto la storia del Rinascimento italiano.

Andare in Sicilia in auto: il percorso perfetto

Andare in Sicilia in auto: il percorso perfetto

Se il vostro sogno è andare in Sicilia in auto non perdete i nostri consigli sul perfetto drive tour dell'isola.

Viaggio tra le più belle grotte da visitare in Calabria

Viaggio tra le più belle grotte da visitare in Calabria

Partiamo per un affascinante tour delle più belle grotte da visitare in Calabria, da quelle della costa tirrenica a quella ionica.

Torino città magica: tour tra i luoghi della magia

Torino città magica: tour tra i luoghi della magia

Torino città magica tour è l'inediata passeggiata notturna tra i luoghi della magia bianca e della magia nera. Paura?

Sciare in Italia al tempo del Covid: dove andare

Sciare in Italia al tempo del Covid: dove andare

Dove e come sciare in Italia al tempo del Covid? Dove andare? Ecco qualche consiglio per sciare in Italia in sicurezza.

La vera storia dei Bronzi di Riace

La vera storia dei Bronzi di Riace

Erano solo i due che conosciamo? Si tratta di davvero di opere greche? Scopriamo insieme la vera storia dei Bronzi di Riace.