Consigli di viaggio - Esperienze

Visita all'Orto Botanico di Padova, il più antico del mondo

Scritto da Redazione , 03/02/20

L'Orto Botanico di Padova è il più antico orto botanico universitario al mondo ancora ospitato nella sua collocazione originaria. Una visita a questo luogo è un tuffo in un mondo vegetale che incanta, fatto di piante acquatiche, arbusti, fiori e aree di biodiversità che conquistano grandi e piccini.   

Nato niente meno che nel 1545 come "Giardino dei Semplici", per la coltivazione delle piante medicinali, l'Orto Botanico di Padova è Patrimonio UNESCO dal 1997.

Giardino Botanico di Padova, Sito UNESCO

La struttura odierna mantiene sostanzialmente quella del progetto iniziale, opera di Daniele Barbaro: un quadrato inscritto in un cerchio che rimanda all'ideale di hortus conclusus, luogo paradisiaco destinato ad accogliere coloro che ricercano il rapporto tra l'uomo e l'universo.

Il Giardino Botanico di Padova, Sito UNESCO è un armonico accostamento di meraviglie naturali e culturali, dove trascorrere un momento di astrazione dalla realtà apprezzando l'immenso patrimonio botanico che qui trova ogni habitat perfetto.

Oggi l'Orto Botanico di Padova ha una superficie di quasi 22.000 metri quadrati e contiene circa 7.000 piante coltivate per un totale di 3.500 specie differenti che rappresentano, seppur in forma ridotta, una parte significativa del regno vegetale. Sono presenti alcune piante notevoli per la loro longevità, comunemente indicate come "alberi storici": tra questi, la famosa "Palma di Goethe", così chiamata a partire dal momento in cui il poeta tedesco, dopo averla ammirata, formulò la sua intuizione evolutiva in "Saggio sulla metamorfosi delle piante". Messa a dimora nel 1585, è tuttora la pianta più vecchia presente nell'Orto Botanico di Padova

All'interno, quattro spalti sono a loro volta suddivisi in aiuole; al centro una piscina per le piante acquatiche viene alimentata da un fiotto d'acqua tiepida proveniente da una falda posta a quasi trecento metri sotto il livello dell'orto.

Numerose sono le piante introdotte per la prima volta in Italia proprio grazie l'Orto Botanico di Padova. Fra queste il ginkgo biloba, la magnolia, la patata, il gelsomino, l'acacia e il girasole.

Tra le collezioni attuali spiccano le piante insettivore (ospitate nella prima delle serre ottocentesche, posta poco oltre la Porta Nord); piante medicinali e velenose (diretta continuazione dell'horto medicinale medievale); le tipiche piante dei Colli Euganei, piante rare e piante introdotte (ruolo chiave nell'importazione, introduzione e acclimatazione di specie esotiche).

Uno dei compiti fondamentali dell'Orto Botanico di Padova è quello di far conoscere al pubblico le specie vegetali più caratteristiche presenti sul territorio, al fine di preservarle. Nel 2014 è stata inaugurata la nuova ala detta "Giardino della Biodiversità". 

Orto Botanico Padova: orari e prezzi

Orari

Gli orari dell’Orto Botanico di Padova variano in base alle ore di luce a disposizione dei visitatori:

Aprile e maggio
orario di apertura e chiusura: 9 – 19
aperto tutti i giorni, festivi inclusi.

Giugno, agosto e settembre
orario di apertura e chiusura: 9 – 19
aperto tutti i giorni, festivi inclusi con eccezione dei lunedì feriali.

Ottobre
orario di apertura e chiusura: 9 – 18
aperto tutti i giorni, festivi inclusi con eccezione dei lunedì feriali.

Novembre, dicembre, gennaio, febbraio e marzo
orario di apertura e chiusura: 9 – 17
aperto tutti i giorni, festivi inclusi con eccezione dei lunedì feriali.

Il giorno di chiusura dell’Orto Botanico di Padova è il lunedì, ma nei mesi di aprile e maggio, l’orto resta aperto anche di questa giornata. Altri giorni di chiusura sono: 1 gennaio e 25 dicembre.

Segnaliamo che l’Orto Botanico di Padova offre un itinerario apposito per non vedenti e ipovedenti.

Prezzi

Il prezzo del biglietto standard è di 10 euro (per visitatori dai 18 ai 64 anni).

I visitatori over 65 pagano 8 euro.

I bambini fino a 5 anni entrano gratis. Anche il personale e gli studenti iscritti all’università di Padova possono accedere all’orto botanico senza pagare. Altre categorie che possono accedere gratuitamente sono i disabili (e accompagnatore) e persone con invalidità civile o portatori legge 104.

Il prezzo vede una riduzione a 5 anni per diverse categorie, quali:

Dai 6 anni ai 18 anni non compiuti

Studenti fino a 26 anni (portando libretto universitario o certificato di iscrizione, matricola..)

Possessori di Padova Card

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Immagine descrittiva - BY Di Semolo75 - Picture taken by Semolo75 in the Botanical Garden of Padua, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=763449 c

Padova

Padova è stata definita dal critico d'arte Vittorio Sgarbi la "Capitale della pittura del Trecento", grazie soprattuttoi al celebre ciclo di Giotto, nella Cappella...

Altri Suggerimenti

La grande Firenze dei Medici: origini e opere

La grande Firenze dei Medici: origini e opere

Tour nello sfarzo della grande Firenze dei Medici, tra personalità e opere che hanno fatto la storia del Rinascimento italiano.

Andare in Sicilia in auto: il percorso perfetto

Andare in Sicilia in auto: il percorso perfetto

Se il vostro sogno è andare in Sicilia in auto non perdete i nostri consigli sul perfetto drive tour dell'isola.

Viaggio tra le più belle grotte da visitare in Calabria

Viaggio tra le più belle grotte da visitare in Calabria

Partiamo per un affascinante tour delle più belle grotte da visitare in Calabria, da quelle della costa tirrenica a quella ionica.

Torino città magica: tour tra i luoghi della magia

Torino città magica: tour tra i luoghi della magia

Torino città magica tour è l'inediata passeggiata notturna tra i luoghi della magia bianca e della magia nera. Paura?

Sciare in Italia al tempo del Covid: dove andare

Sciare in Italia al tempo del Covid: dove andare

Dove e come sciare in Italia al tempo del Covid? Dove andare? Ecco qualche consiglio per sciare in Italia in sicurezza.

La vera storia dei Bronzi di Riace

La vera storia dei Bronzi di Riace

Erano solo i due che conosciamo? Si tratta di davvero di opere greche? Scopriamo insieme la vera storia dei Bronzi di Riace.