A Tavola

Cosa mangiare a Catania: le specialità della cucina catanese

Scritto da Redazione , 27/03/19

Antica città portuale ai piedi dell’Etna, Catania è ricca di storia, arte e cultura. È però impossibile visitare le meraviglie della città etnea senza essere tentati dalla sua cucina che l’ha resa famosa in tutto il mondo. 

Gli angoli delle piazze e le vie del centro storico pullulano di ristoranti, trattorie, pasticcerie, chioschi e tavole calde che invadono la strada con i loro allettanti profumi, proponendo i piatti forti della tradizione catanese. 

Scegliere dove mangiare a Catania è difficile, specie se avete poco tempo per visitarla e vi piacerebbe assaggiare un po’ di tutto. ViaggiArt vi propone una mini guida al gusto nella città barocca con le specialità da non perdere assolutamente. 

Cosa e dove mangiare a Catania 

Dalle tradizionali “putie” (trattorie) ai ristoranti di pesce, sono tanti i posti dove mangiare a Catania, per tutte le tasche e in grado di soddisfare ogni tipo di gusto. 

L’arancino catanese

Partiamo dalle stuzzicherie perché la prima cosa da provare è l’arancino catanese, una sorta di polpetta gigante di riso, rigorosamente fritta, dal cuore ricco di succulento ragù.  L’arancino (a Catania è maschio!) è un prodotto che ogni città della Sicilia rivendica come il proprio, ma la particolarità di quello catanese è la sua forma a cono rovesciato ideata per omaggiare “a Muntagna” – è così che i suoi abitanti chiamano il grande vulcano -. 

Dove mangiarlo? Il posto più rinomato, in cima alle classifiche da anni, è Savia, una pasticceria che ha conquistato tutti con il suo prodotto salato. Si trova proprio in centro, ad angolo fra due storiche strade: via Etnea e via Umberto I°.  Sempre su via Etnea, poco distante dalla prima, troviamo un’altra pasticceria, la Spinella, anche questa rinomata non solo per i suoi dolci, ma anche per gli arancini.

La Norma, regina dei primi piatti 

Dopo aver assaporato questa fantastica stuzzicheria passiamo al primo: regina indiscussa dei primi piatti di Catania è la pasta a la Norma, semplice e gustosissima al tempo stesso. Fu il noto commediografo catanese Nino Martoglio a dare il nome a questo piatto fatto di maccheroni conditi con pomodoro semplice e melenzane fritte, arricchito con una bella spolverata di ricotta salata e basilico fresco. 

Martoglio paragonò questo invitante piatto di pasta al capolavoro “Norma”, opera in due atti di Vincenzo Bellini, al quale è anche dedicato il Teatro Massimo della città. Una buona pasta a la Norma si può mangiare in una delle tipiche putie, come la Nuova Trattoria del Forestiero a via Coppola, in centro, o in via Empedocle alla Trattoria Da Peppino

La Pescheria: mangiare pesce a Catania

Meta turistica obbligatoria per chi visita Catania è sicuramente la Pescheria! Il tipico mercato del pesce della città etnea è un luogo ricco di fascino. Qui potrete gustare il pescato del giorno in una delle numerose trattorie adiacenti come La Paglia, in piazza Pardo, che da generazioni serve pochi e semplici piatti tipici della cucina catanese come l’insalata di polpo o le sarde a beccafico. 

Lo Scirocco Lab è consigliatissimo per deliziose fritture di pesce take away, mentre per rivisitazioni particolari di piatti tradizionali come la “carbonara impazzita”, ovvero un piatto di spaghetti con cozze, curcuma, bottarga e scorzetta di limone, potrete affidarvi ad occhi chiusi alla Trattoria Mm

Le dolcezze catanesi 

Si ritorna nei luoghi dove abbiamo iniziato questo viaggio, ovvero nelle pasticcerie in cui eravamo stati in precedenza per assaporare i famosi arancini. In questi posti particolarmente dolci non si può assolutamente rinunciare al classico cannolo, il dolce siciliano più famoso del mondo. 

Ma la vera specialità dolciaria a Catania sono le minnuzze di Sant’Agata. Nate per rendere omaggio alla santa patrona della città, alla quale venne strappato il seno per non aver ceduto alle piaggerie di Quinziano. Le minne di San’Agata sono delle piccole cassate siciliane che ricordano la forma di un seno con tanto di capezzolo formato da una ciliegina. 

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Comune

Catania

Fondata nel 729 a.C. dai calcidesi, il Barocco del suo centro storico è stato dichiarato dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità. "'U liotru", l'elefante in pietra...

Altri Suggerimenti

Dove andare in vacanza a novembre in Italia

A Tavola

Dove andare in vacanza a novembre in Italia

Tempo di sagre, fiere e profumi autunnali: ecco dove andare in vacanza a novembre in Italia per vivere la bellezza dell'autunno.

Modica, la città siciliana nota per il cioccolato

A Tavola

Modica, la città siciliana nota per il cioccolato

Sapete qual è la città siciliana nota per il cioccolato? Modica, naturalmente! Gioiello del Barocco siciliano e dei golosi.

Come fare il vero Limoncello di Sorrento

A Tavola

Come fare il vero Limoncello di Sorrento

Un viaggio al profumo di zagare, tra i limoni della Costiera Sorrentina, per scoprire come fare il vero Limoncello di Sorrento.

I 5 ristoranti con la vista più bella d'Italia

A Tavola

I 5 ristoranti con la vista più bella d'Italia

Panorami mozzafiato e piatti gourmet, questo offrono i 5 ristoranti con la vista più bella d'Italia, dal mare ai monti passando per la capitale.

I 5 vini italiani più amati e venduti all'estero

A Tavola

I 5 vini italiani più amati e venduti all'estero

Che lingua parla il vino nel mondo? Ovviamente l'italiano! Ecco la Top 5 dei vini italiani più amati e venduti all'estero.

3 piatti tipici dell'Emilia Romagna da provare

A Tavola

3 piatti tipici dell'Emilia Romagna da provare

Un viaggio gastronomico alla scoperta dei 3 piatti tipici dell'Emilia Romagna da assaggiare assolutamente.