A Tavola

La Festa dei Morti a Palermo e la frutta Martorana

Scritto da Eliana Iorfida, 23/10/17

Dolce tipico della Festa dei Morti a Palermo, la “frutta Martorana” rappresenta una delle specialità di Halloween in Sicilia.

Scopri con ViaggiArt l'origine della frutta di pasta di mandorle più famosa al mondo e prenota subito la tua Festa dei Morti a Palermo al miglior prezzo!

Halloween made in Sicily: storia della frutta Martorana

Cosa fare a Palermo durante la Festa dei Morti? Per prima cosa assaggiare un "cannistru" di frutta Martorana! Stiamo parlando di vere e proprie opere d’arte di marzapane: canestri di frutta di pasta di mandorle che sono un toccasana per gli occhi, il palato e il cuore, oltre che fiore all'occhiello della pasticceria siciliana nel mondo!

La frutta Martorana deve il suo nome alla Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio, altrimenti nota come Martorana, a Palermo. La chiesa fu eretta nel 1143 da Giorgio d’Antiochia, ammiraglio greco-siriaco del re normanno Ruggero II, nelle vicinanze del monastero benedettino fondato dalla nobildonna Eloisa Martorana, il cui nome finì con l’oscurare nella memoria collettiva quello del povero ammiraglio.

La leggenda vuole che nel 1308 le suore della Martorana abbiano ospitato Papa Clemente V. Per abbellire le stanze che lo avrebbero accolto decisero di sostituire le composizioni di frutti presi dal loro giardino con delle copie esatte realizzate in pasta di mandorle.

Da allora i frutti furono riprodotti dai migliori pasticceri di Palermo e regalati per la Festa dei Morti. Oggi, oltre alla frutta, vengono realizzate anche altre forme particolari e divertenti che riproducono i cibi tradizionali della cucina palermitana.

A Palermo il marzapane viene anche chiamato “Pasta Reale” (priva di albumi), con riferimento a un episodio che ha come protagonista re Ferdinando delle due Sicilie, che pare aver apprezzato particolarmente l’assaggio dei deliziosi dolcetti.

Vi è venuta voglia di provarli? Non c’è che l’imbarazzo della scelta! Il salotto buono di Palermo ospita alcune tra le migliori pasticcerie storiche, dalla Pasticceria Oscar alla Pasticceria Costa vi perderete tra mandorle, canditi e tutti gli ingredienti di prima scelta declinati in mille modi diversi.

Sull'app ViaggiArt tutti gli itinerari gratis per scoprire Palermo e dintorni!  

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Comune

Palermo

Punto d’incontro fra le culture del Mediterraneo, Palermo, "Capitale Italiana della Cultura 2018", è stata proclamata Sito UNESCO del circuito "Palermo...

Altri Suggerimenti

Itinerario tra i vigneti del Mendrisiotto

A Tavola

Itinerario tra i vigneti del Mendrisiotto

L'itinerario tra i vigneti del Mendrisiotto è un'esperienza enogastronomica top, al confine alpino tra Italia e Svizzera: concentrato di gusto e bellezza.

Cosa mangiare a Palermo, tra piatti tipici e street food

A Tavola

Cosa mangiare a Palermo, tra piatti tipici e street food

Street food a Palermo: ecco cosa mangiare a Palermo durante una passeggiata in centro e dove trovare il miglior cibo da strada.

Cosa vedere ad Ariccia, tra fraschette e porchetta

A Tavola

Cosa vedere ad Ariccia, tra fraschette e porchetta

Cosa vedere ad Ariccia? Le fraschette sono le mete più gettonate di una gita godereccia, merito della porchetta e del vino dei Castelli.

Tour delle Langhe: weekend tra vini e castelli

A Tavola

Tour delle Langhe: weekend tra vini e castelli

Un tour delle Langhe, Patrimonio UNESCO assieme a Roero e Monferrato, è una sorsata di gusto e bellezza per tutti gli amanti del buon vino.

Torino e la leggenda dell'Uovo di Pasqua, tra mito e storia

A Tavola

Torino e la leggenda dell'Uovo di Pasqua, tra mito e storia

La leggenda dell'Uovo di Pasqua ci porta dritti a Torino, dove tra tra storia e tradizioni, scopriamo come il dolce di cioccolato sia tra i simboli della città.

Visitare Camogli per la Sagra del Pesce: cosa sapere

A Tavola

Visitare Camogli per la Sagra del Pesce: cosa sapere

Scopri con noi cosa fare e cosa vedere durante la Sagra del Pesce di Camogli, uno dei borghi marinari più belli della Riviera Ligure.