c
News

Torna il More, al Teatro Italia in scena la Compagnia Ragli 

Scritto da Redazione , 20/11/19

Il progetto More, ideato da Scena Verticale in partenariato con il MiBACT, la Regione Calabria e il Comune di Cosenza, torna in città con una rassegna inedita dedicata agli spettacoli prodotti grazie a Europe Connection: il Focus Residenze

Dopo il successo dello spettacolo prodotto dal giovane collettivo Divina Mania e messo in scena da Mauro Lamanna, venerdì 22 novembre a calcare il palco del Teatro Italia “A. Tieri” sarà la Compagnia Ragli con The speaking machine, scritto dalla drammaturga catalana Victoria Szpunberg e diretto da Rosario Mastrota.

Dalila Cozzolino, Antonio Monsellato e Maurizio Aloisio Rippa prestano corpo e voce ad una storia ambientata in un futuro incerto quanto possibile: sono “giorni in cui non sembreremo umani, ma ancora sapremo come essere tristi” come recita il sottotitolo dello spettacolo. Una scelta registica, quella di Mastrota, che evidenzia come la solitudine sia un effetto inconsapevole degli automatismi della nostra epoca. 

Il Focus Residenze di progetto More è una programmazione nata dalla volontà di presentare al pubblico cosentino le produzioni internazionali nate dal partenariato tra la compagnia di Castrovillari e Fabulamundi - Playwriting Europe. 

Lo spettacolo

Siamo in un futuro incerto: giorni in cui non sembreremo umani, ma ancora sapremo come essere tristi. Una donna lavora come macchina parlante, un cane umano dà piacere e un padrone di casa attende una promozione. È un triangolo con più di tre punti. È la storia di una relazione basata sul potere, la dipendenza e, perché no, l'amore. Una storia crudele e romantica dove macchine ed emozioni si fondono in una spirale di eventi alle frontiere dell'esistenza.

Ognuno di noi ha un modo proprio di rappresentare la solitudine, di viverla e di immaginarla. Esiste dunque una solitudine diversa per ciascuno. Protesi nel ricercare all’esterno i significati delle cose, non ci si rende più conto di quanto ci si allontani da sé. Non ci si sente più realmente da soli eppure, specchiandosi realmente, ognuno si vedrebbe diviso. 

Comportamenti ed oggetti uguali per tutti illudono di poter raggiungere l’individualismo ma in realtà inceppano la libertà, alimentano la fuga, la ricerca del nascondiglio e circondano l’autonomia. Si resta sempre da soli. 

The Speaking Machine combina un mondo grottesco e poetico con una routine quotidiana molto specifica. Esiste la felicità nella solitudine?

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Comune

Cosenza

Cosenza, capoluogo dell'omonima provincia,  è nota come "Città dei Bruzi" in riferimento alla popolazione che la fondò nel IV secolo a.C. Sorge su sette colli,...

Altri Suggerimenti

Il Big Bang in realtà aumentata: guarda il video

News

Il Big Bang in realtà aumentata: guarda il video

Il Big Bang e la storia dell'universo, raccontata da Tilda Swinton, in realtà aumentata: guarda il video!

Harry Potter Escape Room: viaggio virtuale ad Hogwarts

News

Harry Potter Escape Room: viaggio virtuale ad Hogwarts

Hogwarts Digital Escape Room: arriva l’escape room dedicata ad Harry Potter, da completare comodamente a casa.

Vacanze estive in Sardegna: cancellazione gratuita garantita

News

Vacanze estive in Sardegna: cancellazione gratuita garantita

Prenota le vacanze estive 2020 in Sardegna usufruendo del servizio di cancellazione gratuita fino a pochi giorni prima dalla partenza.

#iorestoacasa: cultura online e eventi streaming

News

#iorestoacasa: cultura online e eventi streaming

#iorestoacasa è l'hashtag attraverso il quale diffondere le molteplici iniziative di cultura online e eventi streaming.

Su History Lab alcuni documentari del Trento Film Festival

News

Su History Lab alcuni documentari del Trento Film Festival

Dal 28 marzo al 18 aprile andranno in onda su History Lab quattro film protagonisti delle scorse edizioni del Trento Film Festival.

Prima mostra digitale della Fondazione Pino Pascali

News

Prima mostra digitale della Fondazione Pino Pascali

Inaugura il 30 marzo la prima mostra digitale della Fondazione Pino Pascali: la visione di 14 fotografi al tempo della pandemia.