Castello Incantato di Sciacca "Filippo Bentivegna" c
Idee di Viaggio

Il Castello Incantato di Sciacca: museo all'aperto ricco di mistero

Scritto da Redazione , 02/11/18

Il Castello Incantato di Sciacca, o Giardino Incantato, è uno tra i più strabilianti esempi di Art Brut (arte spontanea) al mondo, frutto del genio folle di Filippo Bentivegna.

“Filippo ‘u pacciu” di Sciacca

Al secolo Filippo Bentivegna, classe 1888, nato a Sciacca e conosciuto ai più come “mastru Filippu”, “Filippo delle teste” e ancora, “Filippo il pazzo”, il geniale scultore siciliano ha consegnato alla sua città, e al mondo intero, uno dei più suggestivi esempi di arte grezza: il Castello Incantato di Sciacca.   

Senza alcuna formazione artistica, Bentivegna realizzò nel suo podere di Sciacca migliaia di sculture, trasformando il “Castello Incantato” in un vero e proprio museo all’aperto. A chi chiedeva il senso di quel plasmare la materia grezza, Filippo rispondeva:

Cerco la Grande Madre... Dentro la terra è il seme dell'uomo".

All’inizio fu una testa, poi ne seguirono decine, centinaia, finché ogni pezzo di roccia e formazione calcarea all’interno della sua proprietà divenne un volto: teste umane accatastate, affiancate, bifronti, persino i suoi tre cani vennero tosati e dipinti sui fianchi con le “teste di Sciacca”.

Alcune delle teste scolpite da Filippo Bentivegna

Deriso dai concittadini, in quanto pretendeva d’esser chiamato “Eccellenza”, sentendosi a capo di un regno, Filippo Bentivegna fu riconosciuto grande scultore dall’artista svedese Lilieström che, soggiornando a Sciacca negli anni ‘50, riconobbe nel Castello Incantato un museo all’aperto da inserire tra le meraviglie della città; infine, fu consacrato genio dell’arte grezza da un collaboratore di Jean Dubuffet, teorico dell’Art Brut.

Oggi, il Castello Incantato, è senza dubbio una delle attrattive artistiche più importanti di Sciacca, da non perdere assolutamente per chi visita la città.

Booking.com

Cosa vedere a Sciacca

Dopo aver visitato il Castello Incantato di Filippo Bentivegna, ViaggiArt consiglia di proseguire la visita con altre 4 cose da non perdere a Sciacca.

1. Il mare a Sciacca

La passeggiata lungo il porto, dove le casupole colorate dei pescatori creano scorci da cartolina e atmosfere romantiche, è una delle cose da concedersi quando si arriva a Sciacca. A circa 6 metri dalla superficie marina si trova l’Isola Ferdinandea, che ebbe origine, nel 1831, dall’eruzione di un vulcano a pelo d’acqua. 

Il primo ad approdare sull'isola fu l'ammiraglio britannico James Graham; seguì una delegazione di cartografi francesi, che battezzò l'isola come Julia; poi fu la volta dei geologi e cartografi borbonici, che la rinominarono Ferdinandea. Pare che le tre nazioni stessero ancora litigando per il possesso dell’isola quando, cinque mesi dopo, lasciando tutti di stucco, la Ferdinandea di Sciacca si inabissò per sempre tra flutti e vapori.

Vista sul porto di Sciacca

2. Le terme di Sciacca  

Tra le cose da non perdere, le terme di Sciacca: le fonti del bacino termale saccense derivano da un’attività vulcanica sotterranea, in particolare nella cosiddetta "Valle dei Bagni", alle pendici del Monte San Calogero.

Delle cinque fonti ancora esistenti, soltanto tre vengono sfruttate: l'Acqua dei Molinelli, l'Acqua Santa e l'Acqua Sulfurea. Le terme di Sciacca sono fruibili presso lo stabilimento delle Nuove Terme, un edificio in stile Liberty in posizione panoramica, su uno sperone roccioso a strapiombo sul mare.

3. Il Carnevale di Sciacca

Considerato uno degli eventi più importanti della Sicilia e del Sud Italia, il Carnevale di Sciacca ha origini antichissime, che sembrano affondare radici addirittura nei saturnali romani. Ogni anno, il Carnevale di Sciacca ha inizio il Giovedì Grasso con la sfilata dei carri capeggiata da Peppe Nepa, maschera locale che apre e chiude la festa.

Chi visita la città negli altri periodi dell’anno, può assaporarne la magia visitando l’apposito Museo del Carnevale di Sciacca.      

Carro del Carnevale di Sciacca

4. La ceramica di Sciacca

La ceramica di Sciacca, divenuta DOP, rappresenta il fiore all'occhiello della produzione artistica e artigianale della città.

Famose in Italia e all'estero, le maioliche di Sciacca si riconoscono per i colori accesi che vanno dal giallo, al verde e al blu cobalto, e accendendo di colori le vie del centro storico, esposte fuori dalle botteghe dei maestri ceramisti, cui spetta il merito di aver saputo elevare l'arte della ceramica di Sciacca a patrimonio mondiale: tra i tanti spiccano i nomi di Lombardo, Piparo, Di Facio, Lu Xuto, Lo Boj e Giuseppe Bonachia.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Comune

Sciacca

Città marinara, turistica e termale, ricca di monumenti e chiese, Sciacca è famosa per il suo centro storico, il  Carnevale e la ceramica tradizionale. Il...

Altri Suggerimenti

Estremo Oriente: la Cina di Piazza Tienanmen e Città Proibita

Idee di Viaggio

Estremo Oriente: la Cina di Piazza Tienanmen e Città Proibita

Pronti a partire per un viaggio in Estremo Oriente? Alla scoperta della Cina iniziando da Pechino, con Piazza Tienanmen e i segreti della Città Proibita.

Cosa vedere in Montenegro: il Lago Nero

Idee di Viaggio

Cosa vedere in Montenegro: il Lago Nero

Il Montenegro è tra le destinazioni turistiche emergenti del 2020. Vi raccontiamo cosa vedere in Montenegro partendo da un must: il Lago Nero.

Weekend tra i laghi briantei, dal Lago Alserio al Lago del Segrino

Idee di Viaggio

Weekend tra i laghi briantei, dal Lago Alserio al Lago del Segrino

I laghi briantei, tra il Lago Alserio e il Lago di Segrino, sono un paradiso di borghi, natura e gastronomiche che rendono unico ogni soggiorno slow.

Raimondo di Sangro e la Cappella Sansevero del Cristo Velato

Idee di Viaggio

Raimondo di Sangro e la Cappella Sansevero del Cristo Velato

Quali sono i misteri del Cristo Velato della Cappella Sansevero? Raimondo di Sangro, il principe alchimista che lo commissionò, è la chiave di tutto.

Eleusi, viaggio nella Capitale Europea della Cultura 2021

Idee di Viaggio

Eleusi, viaggio nella Capitale Europea della Cultura 2021

Eleusi, città sacra e patria di Eschilo è Capitale Europea della Cultura 2021. 

Viaggio a Sofia: città capitale della Bulgaria

Idee di Viaggio

Viaggio a Sofia: città capitale della Bulgaria

Sofia, città capitale della Bulgaria è la terza città più antica d’Europa. Si presta per il tour di una giornata, lasciando tempo per scoprire cosa vedere in Bulgaria.