Consigli di viaggio - Idee di Viaggio

Ecco perché visitare Mistretta, la Sella dei Nebrodi

Scritto da Redazione , 07/01/20

La cittadina di Mistretta, nota anche come "Sella dei Nebrodi" svetta su una cima tra gli 850 e i 1100 metri sul livello del mare, nel verde dei Monti Nebrodi, in provincia di Messina, famosi fin dall'antichità per il loro splendore.

La cittadina di Mistretta, detta anche la "Sella dei Nebrodi" per la sua particolare conformazione, si trova a metà strada tra Palermo e Messina e a pochi chilometri dal mare (15 chilometri circa), componendo una visione suggestiva, tra mare e montagna.

Il panorama che si può ammirare dalle parti più alte del paese è uno spettacolo unico: lo sguardo spazia dal verde dei boschi rigogliosi al blu del mare, con le Isole Eolie sullo sfondo.

In inverno, Mistretta si trasforma in uno scenario ricoperto di neve.

Le origini di Mistretta

Le origini di Mistretta rimangono avvolte nel mistero: a partire dal XVIII secolo, si è pensato che il toponimo potesse derivare dal fenicio Am'Ashtart o Met'Ashtart, ovvero "Città di Astarte", con riferimento a un'ipotetica origine fenicia di questo sito, dato che tuttavia non è confermato dalle fonti archeologiche.

Certo è che l'area era abitata in età protostorica, e questo è dimostrato dal ritrovamento di un ripostiglio dell'Età del Bronzo, avvenuto alla fine del XIX secolo e dal quale Paolo Orsi riuscì ad acquistare una cuspide di lancia oggi conservata nel Museo Archeologico Nazionale di Siracusa. 

Il museo locale di Mistretta conserva invece una oinochoe geometrica appartenente allo stile di Polizzello: materiali ascrivibili alla presenza greca compaiono a partire dal VI secolo a.C., periodo in cui l'area incominciò a essere di passaggio per i calcidesi in movimento tra Zancle, Pizzo Cilona e Himera.

Cosa vedere a Mistretta

Oggi, una passeggiata per il centro storico di Mistretta consente di ammirare le numerose chiese presenti. 

Sul punto più alto del colle e del borgo storico, svettano i resti del Castello di Mistretta, edificato in epoca  bizantina, ristrutturato e ampliato prima dagli arabi e poi dai normanni. Oggi si presenta allo stato di rudere, ma dal punto in cui sorge si gode di un'ottima vista panoramica, che giustifica pienamente la denominazione di "Sella dei Nebrodi".

Sempre in tema di fortificazioni, le tracce delle antiche mura di Mistretta sono oggi riconoscibili solo passando attraverso l'antica Porta Palermo, che sorregge i palazzi del Settecento e funge da accesso alla ripida "Via Porta Palermo", che s'immette nel cuore del centro storico creando uno scorcio davvero unico nel suo genere.

Cos'altro ammirare a Mistretta, la "Sella dei Nebrodi"? Tanti i palazzi storici, a partire da Palazzo Tita, nel Quartiere della SS. Trinità, posto di fronte all'omonima chiesa (chiamata anche chiesa di San Vincenzo).

Costruito nel 1885, con una bella facciata in stile bugnato, presenta dei balconi decorati con putti scolpiti da Noè Marullo. Il portale principale esibisce la Medusa e bassorilievi con mostri marini. Si tratta di uno dei più bei palazzi di Mistretta e prende il nome da una delle antiche famiglie signorili.

Urio Quattrocchi, tra i luoghi naturalistici della "Sella dei Nebrodi" da ammirare fuori dal centro storico è posto a quota 1.030 metri sul livello del mare, proprio al centro del Parco dei Nebrodi.

Si tratta di un laghetto alle pendici del Monte Castelli e raggiungibile attraverso un bel percorso di montagna. 

Circondato da distese di boschi di faggio e diverse essenze mediterranee, il laghetto ospita attorno alle sue sponde piccoli mammiferi e uccelli originari dei Nebrodi (cicogne bianche e nere, cormorani) che possono essere osservati in ogni stagione dell'anno.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Immagine descrittiva - BY [123rf/Rudolf Ernst]  c

Mistretta

Dove si trova Mistretta Mistretta è a circa 1000 metri sul livello del mare e fa parte integrante del Parco Regionale dei Nebrodi. Anzi, ne è la porta...

Altri Suggerimenti

Il borgo di Melissa, tra vigneti, storia e mare

Il borgo di Melissa, tra vigneti, storia e mare

Un viaggio nelle Terre del Marchesato, alla scoperta del borgo di Melissa e della sua frazione marina, Toprre Melissa, Bandiera Blu.

Un fine settimana a San Giovanni in Fiore, nel Parco Nazionale della Sila. Cosa fare e cosa vedere.

Un fine settimana a San Giovanni in Fiore, nel Parco Nazionale della Sila. Cosa fare e cosa vedere.

Incastonato nel cuore del Parco Nazionale della Sila, tra i più belli d'Italia, il Comune di San Giovanni in Fiore è una meta consigliata per chi ama trascorrere...

Calabria, terra mia: tra i luoghi del corto di Muccino

Calabria, terra mia: tra i luoghi del corto di Muccino

L'abbiamo raccontata tanto, in tutte le sue sfaccettature. Ecco il nostro viaggio nella Calabria, terra mia: tra i luoghi del corto di Muccino.

Settimana bianca in Trentino: 3 mete imperdibili

Settimana bianca in Trentino: 3 mete imperdibili

All’aria aperta si vive meglio! Ecco dove trascorrere una settimana bianca in Trentino, al cospetto delle Dolomiti.

Cosa vedere in un giorno a Prishtina, capitale del Kosovo

Cosa vedere in un giorno a Prishtina, capitale del Kosovo

Prishtina è la Capitale del Kosovo, nonchè la città più grande del Paese. Scopriamo insieme cosa vedere e cosa fare in un giorno.

Albania, cosa vedere assolutamente in 10 giorni 

Albania, cosa vedere assolutamente in 10 giorni 

Scopriamo cosa vedere in Albania in 10 giorni, paese ricco di sorprendenti risorse culturali, naturali e paesaggistiche.