Comune

Sorgono

Sorgono, (Nuoro)
Sorgono è un comune italiano di 1.761 abitanti, della provincia di Nuoro in Sardegna.Posto nel centro geografico dell'isola, è il capoluogo storico di mandamento della subregione del Mandrolisai, ospitando i servizi alla popolazione per tutto il circondario, tra cui l'ospedale e l'esattoria.Monumenti e luoghi di interesseNel centro storico sono presenti, soprattutto nel rione “Forreddu”, svariati esempi di architettura domestica aragonese.Architetture religioseSantuario campestre San Mauro chiesa tardogotica. Il Santuario campestre di San Mauro occupa una vasta area, dove al centro c'è la chiesa e nel perimetro numerosi muristenes che sono delle piccole casette utilizzate dai novenanti. La chiesa in facciata ha un rosone in pietra di grandi dimensioni e di ottima fattura.Chiesa campestre San GiacomoChiesa campestre N.S. Itria, a circa 1000 metri s.l.m. da cui si gode un'ampia vista panoramicaArchitetture civiliFonte Pisana del 1600 in rione “Funtana Lei”.Casa Carta del 1600Stazione ferroviaria, capolinea della ferrovia Isili-Sorgono, dalla caratteristica architettura di ingegneria ferroviaria di fine Ottocento (1888), immersa in un suggestivo paesaggio.Siti archeologiciNel territorio di Sorgono sono presenti vari siti di interesse archeologico:Aree naturaliLocalità Funtana 'e Meurra e foresta MassanìForesta S.Loisu ed oasi naturalistica località Bardacolo (zona di ripopolamento del cervo sardo)Foresta monte “Littu” con vista panoramica “Serra Longa” ed area pic–nic presso la fontana di “Perda 'e manza” .SocietàEvoluzione demograficaAbitanti censiti Lingue e dialettiA livello linguistico Sorgono rappresenta quel luogo dove idealmente finisce il Campidano "linguistico" (quasi 1.000.000 di locutori), ed inizia il Logudoro "linguistico" (circa 400.000 locutori). La lingua parlata a Sorgono infatti prende il nome di Limba de mesania (lingua di mezzo); questa lingua risente molto degli influssi delle parlate nuoresi, così come accade nell'ogliastrino e nel barbaricino meridionale, anche se le basi, i suoni fonetici, ma soprattutto il lessico sono tipici della tradizione linguistica campidanese. Altri comuni della provincia di Nuoro interessati da tale fenomeno di transizione linguistica tra campidanese e logudorese sono Aritzo, Atzara, Austis, Belvì, Desulo, Gadoni e Tiana.Tradizione e folcloreA Sorgono si mantengono ancora vive le tradizioni popolari. I balli sardi più eseguiti durante le feste sono:il ballu sardu: il ballo più popolare e conosciuto di tutta la Sardegna, originariamente danzato in tondo, come in numerose altre comunità della Sardegna prevale il ballo a coppie su musica caratteristica tramandata dagli anziani organettisti;sa danza (nantza): l'unico ballo che ancora si balla in cerchio; caratterizza, per la sua energia e complessità il bravo ballerino. Rientra nel modulo di Danza del Mandrolisai;s'orrosciada: ballo caratteristico del paese condiviso anche con altri centri del Mandrolisai e alcuni del Campidano;su dillu (o dillaru): ballo in quattro pulsazioni, diffuso in gran parte della Sardegna;is tre passos: interpretazione del ballo caratteristico del Campidano di Oristano (forse importato dai trasumanti e fatto proprio dalla comunità sorgonese). Nei paesi vicini prende il nome di "ballu seriu" (Meana Sardo) e "trexenta" (Ortueri);su ballu 'e s'essa: caratteristico ballo in cui i ballerini danzano disposti a catena aperta guidata da un capo-ballo.CulturaIstruzioneSono presenti le seguenti strutture:la scuola maternala scuola elementarela scuola media inferioreil Liceo Scientifico Fratelli Costa-Azaral'Istituto Professionale Superiore per l'AgricolturaCucinaÈ radicato nella tradizione culinaria di Sorgono l'utilizzo di un'erba selvatica particolare per la preparazione di una gustosissima zuppa: "Sa minestra cun lampazzu".Si tratta del Romice, nella variante del Rumex obtusifolium, erba infestante nota ai Sorgonesi con il nome, appunto, di lampazzu.È una zuppa che va preparata utilizzando assieme a questa erba altri quattro ingredienti fondamentali: il formaggio fresco reso acidulo, la fregula sarda, sa jelda e la cipolla.EventiSan Mauro Abate viene festeggiato per ben tre volte nel corso dell'anno, il 15 gennaio, Santu Mauru de is Dolos, san Mauro dei Dolori; il martedì successivo alla Pasqua, Santu Mauru de is Frores, San Mauro dei fiori e infine l'ultima domenica di maggio, Santu Mauru Erricu, san Mauro ricco.Persone legate a SorgonoAntonio Gramsci soggiornò a Sorgono assieme alla famiglia per un periodo della sua infanzia.Lo scrittore britannico D.H. Lawrence fece una tappa a Sorgono, durante il suo viaggio che fece nell'isola, dedicando un intero capitolo nella sua opera Mare e Sardegna (1924).A Sorgono è nato l'attaccante del Cagliari Calcio e della Nazionale di calcio italiana Marco Sau.Francesca Barracciu (Sorgono, 11 giugno 1966), già sindaco di Sorgono e sottosegretario di Stato al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo nel Governo Renzi.Note^ AA. VV., Nomi d'Italia. Origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2006, p. 635.^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28-12-2012.BibliografiaManlio Brigaglia, Salvatore Tola (a cura di), Dizionario storico-geografico dei Comuni della Sardegna, Sassari, Carlo Delfino editore, 2006, ISBN 88-7138-430-X.Francesco Floris (a cura di), Grande Enciclopedia della Sardegna, Sassari, Newton&ComptonEditori, 2007.Collegamenti esterniLa scheda del comune nel portale Comunas della Regione Sardegna

Ci spiace, non abbiamo ancora inserito contenuti per questa destinazione.

Puoi contribuire segnalandoci un luogo da visitare, un evento oppure raccontarci una storia su Sorgono. Per farlo scrivi una email a redazione@viaggiart.com