Punto di Interesse

Isole del Tino e Tinetto (Sito UNESCO Cinque Terre)

isola del tino, Portovenere, (La Spezia)

Dal 1997 l'Isola del Tino, insieme alle altre isole Palmaria e Tinetto, Porto Venere e le Cinque Terre è stata inserita tra i Patrimoni dell'Umanità dell'UNESCO. San Venerio, patrono del Golfo della Spezia e protettore di faristi, visse in eremitaggio sull'isola sino alla sua morte, avvenuta nel 630. In sua memoria, sulla  tomba fu costruito un piccolo santuario (VII secolo) e più tardi (XI secolo) un monastero benedettino. L'isola, oggi area militare, è visitabile solo in due occasioni all'anno: il 13 Settembre,per la festa di San Venerio, e la domenica successiva. In questi giorni la visita comprendente il molo d'attracco, la scogliera, l'area sacra, la vecchia casamatta trasformata in piccolo museo e la salita carrozzabile che porta all'edificio del faro. A differenza del Tino, il Tinetto è accessibile ai privati cittadini, che possono ormeggiare e sostarvi nel rispetto del regolamento per la tutela marina. Nella parte più occidentale si può ammirare il rudere di un piccolo oratorio risalente al VI secolo; spostandosi verso est, invece, si trovano i resti di una chiesa a due navate con celle per i monaci, costruita in varie fasi sino all'XI secolo e distrutta definitivamente dai saraceni.