SALA CAPITOLARE VEN. CONFRATERNITA DEL SS. SACRAMENTO E S. ROSARIO - ViaggiArt
Sala Capitolare
Museo

SALA CAPITOLARE VEN. CONFRATERNITA DEL SS. SACRAMENTO E S. ROSARIO

Sala Capitolare.
Piazza Duomo, Viterbo
La Sala Capitolare è dall’anno 1905 sede della Venerabile Confraternita del SS. Sacra-ento e S. Rosario.
Anticamente detta sala del trebbio, fu edificata dai monaci cistercensi nella prima metà dell’anno 1225. Vi si accede dall’antico e ormai quasi scomparso chiostro, claustrum monasterii. È una grande sala  rettangolare costruita sul prolungamento del braccio nord del transetto, dal quale è divisa solo per mezzo dell’ambiente che serve oggi da sacrestia e che è adiacente alla chiesa. È una navata unica, divisa in tre campate coperte da tre crociate costolonate e da una larga arcata; nei restauri cinquecenteschi la sala fu allungata di una campata che imita una croce gotica.
Nella parte destra si aprono due porte, una che conduce all’armarium, l’altra murata che conduceva alla sagrestia: sull’architrave è scolpita la data (1225) di consacrazione. L’antico Armarium,  era la biblioteca dei monaci detta “busaria”. Risalente alla prima metà del XIII secolo ed affrescata nel 1503 e 1650, oggi vi è esposto il museo capitolare della Confraternita, comprendente opere e suppellettili che testimoniano la vita dell’abbazia cistercense e successivamente della vita Confraternita nel corso dei secoli. Le decorazioni a “grottesche” delle vele della Sala , risalgono alla seconda metà del ‘500, attribuite a Luzio Romano e furono eseguite per il cardinale  commendatario Alessandro Farnese. Gli affreschi del fascione centrale e delle lunette risalgono alla prima metà del ‘600. Le decorazioni delle lunette attribuite a Gaspard  Doughet raffigurano i possedimenti pamphiljani. Lo stemma in stucco policromo, posto al centro del fascione prima dell’ultima crociera, appartiene ad Ottaviano Riario Visconti, vescovo di Viterbo dal 1506 al 1523. Il pavimento in marmo bianco e nero, realizzato da Francesco Borromini, è simile a quello delle navate laterali di S. Giovanni in Laterano.

Viterbo

Viterbo

La città ha antiche origini e un vasto centro storico medievale, con alcuni quartieri ben conservati, cinto da mura e circondato da quartieri moderni, tranne che ad ovest, dove si estendono zone archeologiche e termali (Necropoli di...

Booking.com