Basilica dei Santi Felice e Fortunato | ViaggiArt
Edificio di culto

Basilica dei Santi Felice e Fortunato

Corso San Felice Fortunato, 219, Vicenza

La Basilica originale risale al IV-V secolo. Il suo aspetto attuale, romanico, è dovuto alla ricostruzione del XII e ai restauri del XX secolo. Per oltre un millennio alla Basilica fu annessa la più importante abbazia benedettina del territorio vicentino. La facciata a salienti del XII secolo è di laterizio scoperto. Ai lati dell'ingresso due lapidi documentano gli interventi del 1425 e del 1674. Sopra al portale un grande oculo richiama esempi simili veronesi, lombardi e padani dell'XI secolo. L'abside semicircolare della navata è una delle componenti più interessanti, perché documenta le diverse epoche di costruzione. L'interno a tre navate, divise da nove archi sostenuti da colonne e pilastri, ha un grande fascino. La decorazione è quasi assente: sono rimasti alcuni altari laterali e i resti di mosaico al centro, che appartiene alla chiesa primitiva (IV secolo) e rappresenta uno degli aspetti più notevoli della Basilica.  La cripta è databile con certezza alla seconda metà del XII secolo. Sul lato nord svetta il caratteristico campanile, la parte meglio conservata del complesso basilicale, l'unica priva di rifacimenti barocchi. A fianco della basilica si trova il Mmartyrion, una preziosa cappella edificata nel V secolo per venerare i santi martiri e ospitarne le reliquie.

Vicenza (Sito UNESCO)

Vicenza (Sito UNESCO)

La città berica è meta di turismo culturale, in virtù del suo essere soprannominata "Città del Palladio", che vi realizzò numerose architetture nel tardo Rinascimento (23 solo quelle riconosciute siti UNESCO), costituendo una...

Booking.com