Area Archeologica

Villa romana del Varignano

via agli scavi romani, Portovenere, (La Spezia)
La Villa romana del Varignano Vecchio è esemplificativa di un tipo di residenza che assomma le caratteristiche tipiche della villa rustica e quelle della villa maritima d'otium. Essa ospitava il dominus che si occupava personalmente del buon andamento della sua azienda agricola e che, nei momenti di svago e di riposo, si appartava nei quartieri padronali godendo dell'amenità e tranquillità dei luoghi. La villa è situata in una posizione particolarmente felice: al fondo di una piccola valle ricca di acque, prospiciente il mare, circondata da un fundus coltivato a oliveto, forse anche con zone boschive e di pascolo. La fase più cospicua e meglio conservata del'insediamento si data a età sillana (prima metà del I secolo a.C.), per le tecniche murarie e le tipologie pavimentali. Il complesso rustico-residenziale del Varignano Vecchio è preceduto da un vasto insediamento con ricchi pavimenti in opera signina che si colloca nell'ambito degli ultimi decenni del II secolo a.C.
Fra la fine del II e gli inizi del I secolo a.C. le strutture di questa più antica abitazione vengono demolite e rase al suolo per far posto a un nuovo grande edificio articolato su più livelli e con settori specializzati, del quale sono state individuate tre fasi edilizie.
La villa del Varignano Vecchio costituisce per la Liguria un unicum, sia per quanto riguarda la conservazione degli elevati murari e delle pavimentazioni, sia per le caratteristiche tipologiche che la collocano nell'ambito di un'edilizia residenziale di elevata qualità.

Portovenere

Portovenere

Il paese di Porto Venere sorge all'estremità meridionale di una penisola, la quale, staccandosi dalla frastagliata linea di costa della riviera ligure di levante, va a formare la sponda occidentale del golfo della Spezia o detto anche...

Booking.com