MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO - ViaggiArt
Museo civico archeologico
Museo

MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO

Museo civico archeologico.
CORSO VITTORIO EMANUELE, 146, Noto, (Siracusa)
Il museo è ubicato nella zona di espansione della città all'interno del Parco di Villa Landolina che si estende fra le Catacombe di S. Giovanni e quelle di Vigna Cassia e che è ricco di testimonianze di interesse archeologico (ipogei cristiani, tratti di necropoli arcaica, elementi dell'abitato ellenistico di Siracusa) e storico (il cimitero degli acattolici con la tomba del poeta August von Platen).

La sede museale è una moderna struttura inaugurata nel 1988 ed intitolata all'archeologo Paolo Orsi (1859-1935), studioso di fama internazionale e direttore del Museo per più di un trentennio.
L'edificio si compone di un piano seminterrato e di due elevazioni per complessivi 12000 mq: i due livelli superiori sono destinati all'esposizione delle collezioni, nel piano inferiore sono ubicati la sala conferenze ed ambienti di servizio.
Attualmente l’esposizione si svolge in quattro settori su due livelli.

Il museo illustra, allo stato attuale la preistoria e la storia di quasi tutti i siti archeologici della Sicilia orientale e centrale, sino ad età classica e, relativamente alla città di Siracusa, ad età ellenistica e romana. 
Dall'aprile 2010 si è arricchito del prestigioso Medagliere (pieghevole.jpg e dettaglio dei testi.jpg), trasferito dalla precedente sede espositiva di piazza Duomo.
Con il completamento degli allestimenti, l’esposizione comprenderà anche i materiali di età ellenistica e romana, prevalentemente dalla Sicilia orientale,  e cristiano-bizantini.

Le collezioni traggono origine da una piccola raccolta arcivescovile della fine del '700, alla quale si aggiunsero altre opere provenienti da donazioni di collezionisti locali. Questo materiale nel 1811 costituì il primo nucleo del Museo Comunale che divenne Museo Nazionale nel 1878.La maggior parte delle raccolte attualmente esposte proviene però dagli scavi archeologici condotti dalla Soprintendenza di Siracusa.

L'ordinamento è stato curato in modo da consentire un inquadramento topografico e cronologico dei reperti. L’esposizione è articolata attualmente in quattro settori, tre dei quali (A,B,C, rispettivamente destinati alla preistoria e alla età greca nella città di Siracusa e nelle colonie) gravitanti intorno ad un ambiente circolare, nei quali pannelli luminosi illustrano la storia del museo e nel quale si allestiscono mostre tematiche temporanee, il quarto settore (D) si trova invece al secondo livello.

Noto

Noto

Definita "Capitale del Barocco", nel 2002 il suo centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità da parte dell'UNESCO, insieme con le altre città tardo barocche del Val di Noto. Le vie della città sono intervallate da...

Booking.com