Palazzo Doria d'Angri - ViaggiArt
Edificio storico

Palazzo Doria d'Angri

Piazza Sette Settembre, Napoli

Fu eretto su commissione di Marcantonio Doria su precedenti abitazioni cinquecentesche. Dopo la morte del Vanvitelli, i progetti passarono a Ferdinando Fuga, Mario Gioffredo e Carlo Vanvitelli. Nel 1860 il Palazzo divenne famoso perché Giuseppe Garibaldi annunciò dal suo balcone l'annessione del Regno delle Due Sicilia a quello d'Italia. Il dipinto che ritrae la scena, "Ingresso di Garibaldi a Napoli", è esposto nel Museo Civico di Castel Nuovo. Il Palazzo ha una pianta trapezoidale, con la facciata in marmo bianco scandita da un portale affiancato da colonne tuscaniche che sorreggono il balcone. Il piano superiore è scandito da semicolonne e lesene ioniche che inquadrano tre finestre con cornici marmoree. I cortili interni sono due: uno di forma esagonale, l'altro rettangolare, collegati da un passaggio con volte che crea una prospettiva a "cannocchiale ottico", tecnica tipica del Vanvitelli. L'interno è impreziosito con decorazioni vanvitelliane, affreschi e tele di Fedele Fischetti.

Napoli

Napoli

"Della posizione della città e delle sue meraviglie tanto spesso descritte e decantate, non farò motto. Vedi Napoli e poi muori! dicono qui". (Goethe, Viaggio in Italia)   Napoli è la terza Città Metropolitana d’Italia...

Booking.com