locandina c
Mostra

INCLUSION / EXCLUSION x inclusione vs esclusione

piazza Venezia s.n.c, ., Roma
fino a giovedì 31 gennaio 2019
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
In occasione della giornata internazionale delle persone con disabilità e in chiusura dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, la Comunità di Sant’Egidio e il Polo Museale del Lazio, l’Istituto del MiBAC diretto da Edith Gabrielli, inaugurano il 7 dicembre 2018 alle 17.00 alle Gallerie Sacconi del Vittoriano, diretto da Gabriella Musto, INCLUSION/EXCLUSION, una mostra che invita il pubblico a riflettere anche attraverso l’arte su una delle questioni emergenti nel mondo contemporaneo: quella dei processi contrapposti di esclusione e inclusione: isolamento/integrazione,indifferenza/solidarietà, respingimento/accoglienza, paure/dialogo.

César Meneghetti e 52 artisti dei Laboratori d’Arte della Comunità di Sant'Egidio fanno giungere la loro voce su temi che inquietano e che interessano non solo l’Italia ma il mondo intero. 
Le opere in mostra si collocano al termine di un lungo processo di formazione e approfondimento.
Meneghetti ancora una volta intreccia la sua opera con la loro. L’incontro dialogico e formativo con gli artisti contemporanei ha messo in moto un processo di corresponsabilità e partecipazione a doppio senso, che ha coinvolto l’artista e i Laboratori d’Arte. Si sono potenziati così il lavoro di rappresentazione e trasformazione sociale e culturale del mondo circostante e l’azione dei Laboratori verso una liberata creatività. 

Nei Laboratori d’Arte della Comunità di Sant’Egidio le persone con disabilità, mettono in opera la loro verità e il loro pensiero. Sottratte ai processi di esclusione e di rifiuto sono liberate e, consapevoli di tutti i mezzi resi ormai disponibili da generazioni di artisti, comprendono e rappresentano l’esclusione degli altri.

INCLUSION/EXCLUSION presenta all’interno del Vittoriano dipinti, installazioni, fotografie, documenti, video e testi su temi che ci toccano tutti e ci interrogano: segregazione, migrazioni, guerra, periferie urbane e esistenziali, impegno umanitario e per la pace, difesa dei diritti, buone pratiche. 

Potrebbero interessarti