Architettura

Mercato Centrale

Piazza del Mercato Centrale, 6, Firenze

Il Mercato Centrale è uno dei risultati dell’epoca del cosiddetto "Risanamento" urbanistico del periodo di Firenze Capitale (fine del XIX secolo). Per realizzare la struttura fu ingaggiato Giuseppe Mengoni, l'architetto della Galleria Vittorio Emanuele II di MilanoIl, che progettò un'opera notevole, con l'integrazione dei materiali più moderni (ferro, vetro e ghisa) all'aspetto degli edifici preesistenti. Intorno all'edificio, una loggia di dieci arcate classiche per ogni lato, con snelle colonne di pietra serena. L'inaugurazione avvenne nel 1874, in occasione dell'Esposizione Internazionale di Agricoltura. La funzionalità della costruzione è particolarmente evidente dall'interno, dove la luce filtra abbondante dagli alti finestroni sui quali poggia la tettoia e restituisce l'effetto di un mercato all'aperto. La disposizione dei negozi non è casuale, ma suddivisa in aree che tengono conto anche della ventilazione naturale dovuta alla conformazione delle tre navate del fabbricato. Nel 2014 è stato riaperto il primo piano del complesso, con una serie di ristoranti e attività.

Firenze

Comune

Firenze è la Città Metropolitana capoluogo della regione Toscana, e si estende nella piana attraversata dal fiume Arno. Importante centro universitario e “Patrimonio dell'Umanità” UNESCO, è considerata il luogo d'origine del...

Booking.com