Immagine non disponibile
Architettura

"Filzerhof" Maso museo

Immagine non disponibile. Copyright Altrama Italia SRL
SLOMPI, 2, Fierozzo, (Trento)
Un antico maso, un mulino, una segheria e una miniera: insieme per raccontare la storia e la cultura dei Mòcheni, popolo germanofono (di parlata medio-alto bavarese) arrivato nella valle del Fèrsina, il Bersntol, tra il XIII e gli inizi del XV secolo. Una tradizione la cui salvaguardia e valorizzazione la Provincia autonoma di Trento ha sancito con una propria legge nel 1987, istituendo il “Kulturinstitut Bersntol Lusern”, che nel 2005 è stato diviso in due entità autonome: l’Istituto Mòcheno, con sede a Palù del Fèrsina, e quello Cimbro, a Luserna. L’Istituto Mòcheno tutela e valorizza il patrimonio etnografico e culturale, in particolare quello linguistico. Nel territorio della Valle dei Mòcheni alcuni manufatti custodiscono e tramandano il ricordo e la specificità di una cultura antica, raccontata anche attraverso un’intensa didattica: luoghi-museo che nelle architetture e negli oggetti raccontano la storia quotidiana di un piccolo popolo.

Fierozzo

Fierozzo

Fierozzo (Vlarötz in mocheno, Florutz in tedesco, Fieròz o Fiaròz in dialetto trentino) è un comune di 474 abitanti della provincia di Trento. La maggioranza della popolazione appartiene all'etnia dei Mocheni di origine germanica, ed il...

Booking.com