Pinacoteca nazionale di Ferrara - ViaggiArt
Museo

Pinacoteca nazionale di Ferrara

Corso Ercole I d’Este 21 (Palazzo Diamanti), Ferrara
La Pinacoteca nazionale fu costituita nel 1836 per iniziativa del Comune di Ferrara. La sede prescelta fu il piano nobile di Palazzo dei Diamanti, il cui nome deriva dalla particolare facciata a bugnato, dove vennero esposte al pubblico le grandi pale d’altare provenienti dalle chiese soppresse da Napoleone e i dipinti acquistati da collezioni private cittadine. Nel 1958 la Pinacoteca Comunale passò allo Stato e divenne così Pinacoteca Nazionale. Al nucleo originario si aggiunsero, gradualmente, altre opere attraverso depositi, donazioni (collezione Vendeghini-Baldi), acquisti dello Stato e della Cassa di Risparmio di Ferrara che ha depositato in Pinacoteca la propria collezione affinché un pubblico più largo possa godere del patrimonio artistico ferrarese recuperato sul mercato antiquario. Raccoglie opere di artisti ferraresi e non solo principalmente del Quattrocento e del Cinquecento. Tra di loro: Carlo Bononi, Serafino de' Serafini, Cosmè Tura, Ercole de' Roberti, Michele Pannonio, Andrea Mantegna, Benvenuto Tisi da Garofalo, Dosso Dossi, Sebastiano Filippi, Biagio di Antonio Tucci e diversi altri.

Ferrara

Ferrara

"O deserta bellezza di Ferrara,  ti loderò come si loda il vólto  di colei che sul nostro cuor s’inclina  per aver pace di sue felicità lontane". (G. D'Annunzio, Le città del silenzio)   Erede di un importante...

Booking.com