Immagine non disponibile
Punto di Interesse

Palazzo vescovile di Chiavari

Immagine non disponibile. Copyright Altrama Italia SRL
p.zza N. S, dell'Orto, Chiavari, (Genova)
Il Museo, nato per iniziativa della Curia Vescovile e realizzato in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici della Liguria, ha sede al primo piano del Palazzo Vescovile in una serie di locali che in precedenza erano parzialmente utilizzati come biblioteca dell'attiguo seminario. Inaugurato nel giugno del 1984, il museo raccoglie dipinti, sculture, argenti e tessuti appartenenti sia a chiese tuttora officiate sia a complessi religiosi oggi non pi? esistenti. Rispetto ad analoghe strutture espositive il museo di Chiavari ? caratterizzato dalla mancanza di un nucleo preponderante di opere collegate alla storia della Cattedrale, in quanto la Diocesi ? stata istituita solo nel 1892 e pertanto non possiede un Tesoro intorno al quale aggregare oggetti provenienti da altre sedi. Ci? non toglie che le chiese chiavaresi - e in particolare la chiesa di S.Giovanni Battista - siano rappresentate da un gruppo di oggetti di grande rilevanza storica e artistica. Dalla chiesa di S. Giovanni Battista provengono infatti la piccola tavola con la Madonna con Bambino riferibile alla cerchia di Barnaba da Modena, il frammento con la Madonna col Bambino di Bernardino Fascio, i quattro busti in legno del secolo XVII e il "ciclo" di un baldacchino processionale donato nel 1651 da Achille Costaguta alla confraternita del Rosario che aveva sede nella stessa chiesa. "cielo" rappresenta anzi il pezzo pi? prestigioso esposto nel museo, in quanto si tratta di un preziosissimo ricamo eseguito in Cina tra la fine del sec. XVI e gli inizi del sec. XVII, giunto in Occidente con i primi scambi commerciali favoriti dall'insediamento in Estremo-Oriente delle colonie portoghesi e venuto in possesso dei Costaguta grazie alla posizione di estremo prestigio raggiunto all'epoca dalla famiglia a Roma, presso la corte papale. Da istituti religiosi soppressi di Chiavari provengono anche la Deposizione di Cesare Corte (gi? sull'altar maggiore della chiesa dei Cappuccini) e il Matrimonio mistico di Santa Caterina di Andrea Ansaldo, mentre altre due tavole di grande rilievo - la Madonna col Bambino di ignoto maestro ligure del 1350 circa e la Madonna col Bambino di Lorenzo Fasolo - provengono rispettivamente dall'Oratorio dei Disciplinanti a Moneglia e dalla chiesa di S.Nicol? dell'Isola a Sestri Levante. Di grande interesse infine la ricca sezione degli argenti che comprende tra l'altro una croce-reliquiario del secolo XIV, un turibolo e una navicella del secolo XV provenienti dalla soppressa abbazia di S. Gerolamo della Cervara, un cofanetto limosino del secolo XIII appartenente alla chiesa di S. Croce a Moneglia, un ostensorio palermitano donato nel 1671 da Gervasio Poscia - mercante di Rapallo stabilitesi a Palermo - alla Basilica di SS. Gervasio e Protasio di Rapallo, un ostensorio in corallo proveniente da una bottega trapanese e appartenente alla chiesa di S. Giacomo di Corte a S.Margherita Ligure e parecchi arredi liturgici realizzati invece dagli argentieri genovesi e provenienti da diverse chiese della Diocesi, nonch? una piccola scelta di ex-voto del Santuario di N.S. dell'Orto a Chiavari

Chiavari

Chiavari

Chiàvari (Ciävai IPA: /ˈt͡ʃaːvai̯/ in ligure) è un comune italiano di 27.295 abitanti della provincia di Genova in Liguria. Centro commerciale del Tigullio, è il secondo comune più popoloso del comprensorio e la terza città per...

Booking.com