Comune

Cagliari

Cagliari

Affacciata sul Golfo degli Angeli, Cagliari fu fondata dai fenici. Centro della vita politica, economica, turistica e culturale della Sardegna, sorge su sette colli (Castello, Colle San Michele, Colle di Bonaria, Monte Urpinu, Monte Claro, Tuvu Mannu e Tuvixeddu) ed è circondata da imponenti torri e bastioni. Tuvixeddu costituisce la più grande e importante necropoli punica del Mediterraneo, i cui reperti archeologici sono esposti nel Museo Archeologico di Cagliari e al British Museum di Londra. Nel XVII secolo, periodo in cui la città fu fortemente ispanizzata, venne fondata l'Università. Cagliari, rioccupata, divenne dal 1798 al 1814 capitale del Regno di Sardegna e ospitò nel Palazzo Reale (detto Viceregio) la corte sabauda. All'indomani dell'Unità d'Italia gli architetti Gaetano Cima e Dionigi Scano ridisegnano il centro urbano secondo il gusto dell'epoca,  lo stile neoclassico e neogotico e i caratteristici palazzi liberty. Cuore medievale della città è il quartiere fortificato di Castello, che fino alla seconda guerra mondiale fu la residenza dei nobili. Degni di nota sono anche i quartieri storici di Stampace, Marina e Villanova. Il primo era il quartiere dei borghesi e dei mercanti, il secondo era il quartiere dei pescatori e marinai, il terzo quello dei pastori e dei contadini. Il Poetto (in sardo Su Poettu) è la principale spiaggia di Cagliari che si estende per circa otto chilometri, dalla Sella del Diavolo sino al litorale di Quartu Sant'Elena. Altra spiaggia frequentata è la piccola spiaggia di Calamosca situata nel tratto di mare tra la zona di Capo Sant' Elia e il Poetto. Il porto è classificato "internazionale" per via della sua importanza; svolge funzioni commerciali, industriali, turistiche e di servizio per passeggeri. La lingua autoctona di Cagliari, resa ufficiale nello Statuto comunale, è il campidanese.

Booking.com