Punto di Interesse

Museo archeologico di Brescello

Via F. Cavallotti, 37, Brescello, (Reggio Emilia)
Rinnovato nel 2007, ha sede presso il Centro Culturale San Benedetto ed espone il patrimonio del precedente antiquarium comunale sorto nel 1958 e incentrato sulle antichità del territorio di Brescello. Fondato probabilmente, come oppidum cenomane a nord del Po, quando il fiume aveva un diverso corso, già in età romana il centro risulta localizzato a sud del fiume ed abitato dalla tribù Arnensis, a differenza degli altri centri emiliani che appartenevano alla tribù Pollia. Guado non difficile, Brescello costituì un punto di importanza strategica sul percorso fluviale. Il patrimonio museale annovera, fra altri materiali, una serie di lapidi funerarie, due mosaici del I secolo d.C. e frammenti marmorei. Per la sua unicità in Italia settentrionale, si segnala la statua raffigurante un uomo vestito di lacerna, il mantello con cappuccio indossato dai battellieri del Po. La scultura è databile alla seconda metà del I secolo d.C.Al piano terra le sale dedicate alla Necropoli ed alla Domus sono ricche di reperti storici di grande valore, tra i quali spiccano due statue acefale: la prima, proveniente dal Museo di Parma, effigia un personaggio togato, la seconda rappresenta probabilmente un commerciante del fiume, a testimonianza della ricchezza raggiunta dall'antica Brixellum. La sezione del piano superiore è dedicata al territorio e alle opere realizzate durante il periodo romano, con approfondimenti relativi alle anfore e agli oggetti ritrovati nel corso di scavi recenti e ad una ricostruzione degli ambienti domestici.

Brescello

Brescello

Brescello (Barsèl nel dialetto locale, Bersèl in dialetto reggiano) è un comune italiano di 5.504 abitanti della provincia di Reggio Emilia, in Emilia-Romagna. È famoso per i film di don Camillo girati appunto a Brescello (ovviamente...

Booking.com