Settembre astigiano: palio, vino e fantasia - ViaggiArt
Destinazioni

Settembre astigiano: palio, vino e fantasia

CC BY
1 anno fa
Asti

Capitale dell’antica Astesana, conosciuta in tutto il mondo per i suoi vini e in particolare per l’inconfondibile spumante, la città di Asti offre il meglio di sé nel mese di settembre, quando le uve selezionate della Douja d’Or – uno dei concorsi enologici più importanti d’Italia – spandono il loro bouquet per le vie del centro, il Festival delle Sagre ci abbina i sapori tipici piemontesi e i cavalli del Palio Storico cominciano a scalpitare nei rispettivi rioni alla formula d’apertura:

 

“Signor Capitano, vi dò licenza di correre il Palio nell’anno del Signore… Andate, e che San Secondo vi assista!”

 

I cavalieri, che montano rigorosamente “a pelo”, si scatenano nella tradizionale corsa che a partire dal XII secolo vede sfidarsi i Borghi e Rioni storici della città. Un tuffo nel glorioso Medioevo astigiano, quindi, inebriati da profumi e sapori DOC per gustare appieno i fasti di un passato che non tramonta mai.

Da Piazza Alfieri, cuore pulsante in cui si corre la gara, raggiungiamo il centro di Asti. L’imponente Cattedrale dell’Assunta, una delle massime espressioni gotiche del nord Italia, ci rivela subito la ricchezza architettonica e artistica della città, custode del più vasto patrimonio basso-medievale piemontese.

In onore del santo patrono visitiamo anche l’antica Collegiata di San Secondo, con la Cappella dei Palii. Subito accanto ci illumina il candore barocco del Palazzo di Città, al cui interno è possibile ammirare il Salone degli Astigiani Illustri.

Passeggiando tra torri – la sommità della Troyanaè un ottimo punto panoramico da cui godere la bellezza della città – chiese, domus e case-forti sembra quasi di vivere sospesi nel tempo, nella dimensione arcaica che ritroviamo anche nella Cripta di S. Anastasio.

Torniamo al presente e dedichiamo ancora qualche assaggio alle tipicità del territorio, tra enoteche e storici locali del gusto, come la Pasticceria Giordano, nella quale i dolci piemontesi sono esposti nello sfarzo liberty degno di un museo.

L’atmosfera festosa del settembre astigiano è un’emozione da provare e vivere in ogni aspetto con ViaggiArt!

 

Eliana Iorfida 

 

PhCredits

Asti

Asti

«... Ed Asti repubblicana. Fiera di strage gotica e de l'ira  di Federico, dal sonante fiume ella, o Piemonte, ti donava  il carme novo d'Alfieri». (Giosuè Carducci, "Piemonte")   Capitale dell'antica Astesana, oggi pi...

Booking.com