Segretario Unwto: "Turismo continua a crescere, Italia Paese chiave" c
Ansa

Segretario Unwto: "Turismo continua a crescere, Italia Paese chiave"

ROMA - Un settore resiliente che continua a macinare record e che sa riprendersi da avversitàdavvero potenti, ma anche un settore che sa includere, che crea posti di lavoro anche per i giovanie nelle comunità rurali e che, a patto che rimanga sostenibile e accessibile a tutti, unisce eavvantaggia le comunità locali. A parlare all'ANSA del turismo, che in Italia vale più del 10% delPil, è Zurab Pololikashvili, segretario generale dell'Unwto , l'organizzazione mondiale del turismodelle Nazioni Unite che è a Roma per una visita ufficiale in Italia e al Vaticano, dove haincontrato papa Francesco.  "Nel 2018 - dice in un'intervista ANSA - sono stati registrati oltre 1,4 miliardi di arriviinternazionali, un livello record, ma continua a crescere. Il nostro ultimo barometro del turismomondiale ha registrato una crescita globale del 4% nel primo trimestre del 2019 rispetto allo stessoperiodo del 2018. L'Europa, che è la regione turistica più grande del mondo, ha registrato unacrescita solida del 4%, guidata dalla popolarità duratura delle destinazioni del Mediterraneo ,mentre i turisti sono aumentati dell'8% in Medio Oriente e del 6% nella regione Asia e Pacifico. Inmodo incoraggiante i Caraibi - a meno di due anni dai devastanti uragani Irma e Maria - hannoregistrato un aumento del 17% degli arrivi internazionali nel primo trimestre del 2019. Allo stessomodo il Nord Africa ha registrato una crescita dell'11% nello stesso periodo, dimostrando la suacapacità di recupero".   Anche sull'Italia Pololikashvili ha idee molto precise: "Da lungo tempo è un forte alleato dellanostra organizzazione. È un membro chiave anche di uno dei nostri più importanti organi di governo,il Consiglio esecutivo, ed è in procinto di presentare la sua candidatura per la presidenza. Inoltreil vostro Paese ospiterà anche alcuni importanti eventi imminenti, tra cui la sesta Conferenzamondiale Unwto sul turismo del vino. Ho quindi accolto con favore l'opportunità di incontrare dipersona il ministro Gian Marco Centinaio. Sono stato particolarmente felice - spiega - di sapere delcontinuo impegno dell'Italia verso l'innovazione come mezzo per rendere il settore turistico piùsostenibile. Ho anche apprezzato molto l'entusiasmo del ministro per il turismo gastronomico e ilsuo potenziale per salvaguardare il patrimonio e creare posti di lavoro, anche per i giovani e lecomunità rurali".   L'Italia già registra ottime performance nel settore turismo, ma potrebbe e dovrebbe fare moltomeglio e il leader dell'Unwto spiega: "Il settore turistico ha sempre bisogno di adattarsi, anchenel caso di destinazioni leader come l'Italia. Da un lato, questo è per motivi economici. Lerichieste dei consumatori sono in continua evoluzione e il settore deve cambiare per soddisfarle.Allo stesso modo, l'adozione dell'innovazione può fungere da catalizzatore per l'imprenditorialità ela creazione di posti di lavoro, garantendo che i benefici apportati dal turismo siano goduti daquante più persone possibile. Allo stesso tempo, però, deve continuare il suo percorso verso lasostenibilità. Ciò richiede sia la governance globale sia l'impegno da parte degli stakeholdernazionali e locali, nonché dal settore privato".   Sui problemi cronici del turismo italiano, dall'abusivismo alla burocrazia passando perl'eccessivo peso fiscale, Pololikashvili dice: "E' imperativo che vi sia collaborazione a tutti ilivelli statali, da quella nazionale a quella regionale, a tal fine e, allo stesso tempo, allacooperazione tra attori del settore pubblico e privato. Nei luoghi in cui ciò accade, il turismoserve per unire e avvantaggiare le comunità piuttosto che dividerle edanneggiarle". 
Leggi l'articolo completo su ANSA.it

Potrebbero interessarti