• Seguici sui nostri social
  • facebook
  • twitter
  • instagram
Corridoio ambientale Maddalena-Alghero c
Ansa

Corridoio ambientale Maddalena-Alghero

 CAGLIARI - "Salviamo la stazione ferroviaria marittima di Palau, una delle più belle in Italia, sul mare, non deve diventare uno sfogo automobilistico". E' l'appello lanciato da Alturs, acronimo di Alleanza per il Turismo Responsabile e Sostenibile in Sardegna.    La neonata sigla riunisce tre associazioni: Touring Club Italia, Italia Nostra e Slow Food hanno infatti sottoscritto un accordo. "Un percorso comune aperto a altre associazioni degli operatori turistici, per monitorare e lanciare proposte di un turismo che rispetti l'ambiente e valorizzi e tuteli il patrimonio culturale, naturalistico, enogastronomico della Sardegna", ha spiegato Franco Sardi, console del Touring Club Sardegna. Il primo passo è l'impegno per salvare l'ultimo tracciato ferroviario che collega Palau Marina alla stazione al centro del paese. "L'alleanza nasce dalla battaglia di un gruppo di associazioni per salvare questo tratto costiero di 500 metri, spettacolare e ricco di storia - ha sottolineato Graziano Bullegas, presidente Italia Nostra Sardegna - da bene regionale di recente è diventato di proprietà del Comune di Palau".    Alturs, che si pone ora come interlocutore nei confronti delle istituzioni regionale e locali, ha in mente un progetto, tutto da costruire. Un "corridoio ambientale" che colleghi l'arcipelago di La Maddalena con Alghero e il parco di Porto Conte. "La ferrovia esiste, si tratta di metterla in funzione", spiega Sardi. Quasi 200 km lungo un percorso suggestivo che attraversa nuraghi, sugherete, vigneti, cave di granito, viadotti canyon, luoghi accessibili solo da treno. "Il Ministero dei Beni Culturali ha dato luogo, da parte della Soprintendenza di Sassari/Olbia, a un procedimento per la valutazione del riconoscimento dell'infrastruttura ferroviaria di Palau Marina quale Bene Culturale da proteggere, assieme all'intera ferrovia che la collega con Sassari", ha aggiunto Bullegas.    Per Alturs questo tratto "si presta alla costruzione di una offerta turistica eco-sostenibile e responsabile di tipo naturalistico, paesaggistico, culturale ed enogastronomica", come ha messo in rilievo Raimondo Mandis delegato slow food Cagliari.    
Leggi l'articolo completo su ANSA.it

Potrebbero interessarti