A Civita di Bagnoregio la creatività c
Ansa

A Civita di Bagnoregio la creatività

(ANSA) - Roma, 19 apr - Corsi di scrittura, escursioni nella natura accompagnati da una guida, incontri con gli artigiani del posto alla scoperta degli antichi mestieri, una full immersion nella pittura alla scoperta di come si dipinge con la tecnica dell' affresco, e ancora scenografia, disegno dal vero, fino alle nuove tecnologie con cortometraggi e videomapping. Civita di Bagnoregio, uno dei centri più affascinanti della provincia di Viterbo, diventa per un anno un grande laboratorio di creatività per richiamare nuove energie e contrastare in questo modo un destino che la descrive come la "città che muore" per via della sua fragile natura geomorfologica. "Civita in tutti i sensi" è il progetto di sviluppo messo a punto da PromoTuscia che ha avuto il via libera della Regione Lazio: un calendario denso di eventi che animerà il piccolo borgo della Valle dei Calanchi, inserito nell' elenco dei più belli d' Italia, visitato ogni anno da oltre 800 mila turisti.    Luogo speciale che affascina, collegata alla terra da un lungo ponte, Civita offrirà, tra eventi e occasioni gratuite, molti spunti e stimoli proprio nel cuore del suo dedalo di viuzze, nel bel Palazzo Alemanni-Mazzocchi. Si comincia a maggio con tre sessioni (4-5 / 16-17 / 31-1) per otto ore complessive dedicate alla scrittura, per raccontare il territorio, le realtà dimenticate, i borghi più suggestivi e i personaggi mitici dei villaggi della Tuscia. Dal 22 al 26 luglio saranno svelati i segreti dell' affresco tra teoria e pratica (la preparazione, la levigazione dell'intonaco e la vera e propria pittura sul supporto preparato secondo le modalità tramandate dalla tecnica medievale, utilizzando pigmenti organici e inorganici). Dopo la pausa estiva, a settembre (7-8 / 28-29) e ottobre (16-17) è la volta di "Piccola Civita", il laboratorio di scenografia per i più piccoli. Il borgo, che ha ispirato registi e scrittori, sarà scenario anche per l'ultimo laboratorio in programma. Nel 2020, a marzo (21-22 / 28-29) e aprile (4-5) si potrà apprendere come narrare un luogo con le immagini, realizzando una sorta di diario del viaggiatore guidati da una illustratrice. Non mancherà un capitolo sulle nuove tecnologie digitali con la realizzazione di un cortometraggio con personaggi animati in un tour attraverso giardini, cantine e residenze storiche della Tuscia. A fine agosto, una Civita inedita, impreziosita da un progetto di videomapping renderà più suggestiva la piazza principale.    
Leggi l'articolo completo su ANSA.it

Potrebbero interessarti