A casa di Pirandello per i suoi 150 anni - ViaggiArt
Luoghi di Carta

A casa di Pirandello per i suoi 150 anni

BY ANSA
10 mesi fa
Via Imera, 50, Agrigento

Luigi Pirandello compie 150 anni e li festeggia invitandoci tutti nella sua casa natale, nell’incanto di Agrigento, divenuta museo e riaperta al pubblico per l’occasione”.    

 

Per omaggiare uno dei più importanti drammaturghi e poeti di tutti i tempi, Luoghi di Carta non poteva che condurvi ad Agrigento per visitare la Casa Museo Luigi Pirandello. Scaricate l’App ViaggiArt e seguitemi…

 

Compleanno speciale a Casa Caos

Per raggiungere la casa natale di Luigi Pirandello percorriamo il tratto della Statale 115 che unisce Agrigento a Porto Empedocle e ci fermiamo all’altezza di una contrada di campagna, tra i fichi d’India e gli ulivi a strapiombo sul mare, il cui nome è tutto un programma: Contrada Caos.

 

“Io dunque son figlio del Caos; e non allegoricamente, ma in giusta realtà, perché son nato in una nostra campagna, che trovasi presso ad un intricato bosco, denominato, in forma dialettale, Càvusu dagli abitanti di Girgenti”.

 

L’attuale Casa Museo Luigi Pirandello era, in origine, una costruzione rurale di fine Settecento appartenuta agli avi materni dello scrittore. Sua madre vi si stabilì la prima volta per scampare all’epidemia di colera che imperversava in Sicilia nel 1867. Bombardato dagli Alleati nel ’43, l’edificio fu dichiarato “Monumento Nazionale” sei anni dopo, quindi acquistato e restaurato dalla Regione Sicilia.

Entriamo con timore reverenziale e scopriamo che ogni cosa ci parla di Pirandello, come se lo scrittore debba tornare da un momento all’altro a completare un ultimo capolavoro: oggetti personali, fotografie, premi, lettere, manoscritti e prime edizioni di libri con dediche autografe; addirittura il vaso greco utilizzato per traslarne le ceneri dal Cimitero del Verano ad Agrigento, secondo la sua volontà:

 

“…sia l’urna cineraria portata in Sicilia e murata in qualche rozza pietra nella campagna di Girgenti dove nacqui”.

 

Dalle stanze al piano di sopra si gode una vista straordinaria sulla campagna circostante, attraversata dal vialetto che conduce al famoso Pino di Pirandello, o meglio al luogo in cui sorgeva e che adesso lo ricorda soltanto perché danneggiato da un nubifragio, insieme al cippo (la citata “rozza pietra”) che indica la sepoltura delle ceneri.

Casa Caos costituisce un unico istituto con la Biblioteca Luigi Pirandello, che ha sede ad Agrigento e che visitiamo seguendo le indicazioni di ViaggiArt in un tour completo della città e della Valle dei Templi.

 

Eliana Iorfida

 

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Agrigento

Agrigento

Fondata intorno al 580 a.C., Agrigento conserva traccia di tutte le popolazioni che si insediarono nell'isola. Già sede di una civiltà autoctona che intratteneva rapporti commerciali con egei e micenei, il territorio vide sorgere la...

Booking.com