Castello

Castello ducale di Agliè

Piazza del Castello, 1, Agliè, (Torino)

Nel XVII secolo il conte Filippo d'Agliè trasformò il vecchio castello fortificato del XII secolo, in dimora signorile. Distrutto dai francesi, venne acquistato dai Savoia nel 1764, che lo fecero ricostruire su progetto di Birago di Borgaro. Nel 1825, per volere di Carlo Felice, venne ulteriormente modificato e abbellito, diventando luogo di villeggiatura della famiglia reale. L'interno presenta oltre 300 ambienti riccamente arredati con mobili e dipinti, come la grande Sala da Ballo decorata con affreschi del Seicento che rappresentano i "Fasti di re Arduino", il Salone d'Ingresso, ornato di stucchi settecenteschi del Bolina e la Cappella di S. Massimo, con la volta affrescata a stucchi e ori del XVII e XVIII secolo. Annesso al Castello è il grande parco con giardini all'italiana e all'inglese. All'ingresso, si trova una fontana settecentesca che simboleggia la "Dora Baltea che si getta nel Po", opera di Ignazio e Filippo Collino. La parte di giardino pensile conserva ancora l´impianto tipico del giardino all´italiana. Il grande parco a ovest, realizzato tra il 1770 e il 1771, venne radicalmente trasformato dal Kurten nella prima metà dell´Ottocento secondo lo stile paesaggistico allora in voga.

Info:

Da martedì a domenica 8:30/19:30.

Agliè

Agliè

Agliè (Ajé in piemontese) è un comune italiano di 2.674 abitanti della provincia di Torino in Piemonte. Questo piccolo comune, reso illustre da personaggi quali Filippo d'Agliè e Guido Gozzano, sorge nel Canavese. Toponimo Secondo...

Booking.com