Una donna, mille donne nel '900 italiano c
Ansa

Una donna, mille donne nel '900 italiano

FIRENZE - La donna secondo gli artisti del secolo scorso, un racconto che oggi acquista unsignificato particolare alla luce dell'evoluzione della sensibilità collettiva provocata anche dall'onda #MeToo e l'occasione per riflettere sul posto nel mondo occupato dall' "altra metà del cielo".Punta ad andare oltre la mera raccolta di lavori accomunati da un tema la mostra "XX Il generefemminile nell' arte del '900 italiano", curata da Monica Cardarelli, in programma a Firenze dal 16settembre al 2 ottobre nella Galleria Marletta, a pochi passi da Palazzo Pitti."Circa un centinaio, tra dipinti, disegni, pastelli, bronzi, terrecotte e ceramiche rappresentanoaltrettante immagini femminili. Mogli o amanti, vergini o puttane, madri sante come la Madonna odiavole mangiatrici d'uomini; adolescenti caste o mature Maddalene, ma anche dee, ninfe,personificazioni leggiadre della Primavera o dell'Italia, giunonica e turrita", spiega la storicadell'arte illustrando il mosaico composto con le opere di grandi maestri della pittura e dellascultura e, in particolare, di nove artiste. Lo stesso titolo della mostra si presta a letturediverse: "Quella doppia X è allo stesso tempo il gene che determina il sesso di una donna - precisa- ma anche quel secolo Ventesimo, che ha visto più di ogni altro cambiare tanto e così velocementeil ruolo, lo stato, l'aspetto e la condizione femminile, tanto nella vita quanto nell'immaginario,così come l'arte l'ha registrato".L'opera più antica è di Giulio Aristide Sartorio, un pastello di fine Ottocento di una giovanevergine preraffaellita dalla lunga veste botticelliana. All'estremo opposto, è il collagepolimaterico di Margherita Vanarelli, espressione del consumismo anni '60, che assembla ritagli dipubblicità per comporre una moderna casalinga con bambino sul seggiolone che evoca un maritoubriaco. Ad aprire il Novecento le opere dello scultore Libero Andreotti, che nei primi del secoloelesse nei suoi modi liberty la donna a suo quasi unico soggetto. Tra le artiste Adriana BisiFabbri, cugina di Boccioni, di cui è in mostra un gigantesco Autoritratto (1903); di Marisa Mori,che fu allieva di Casorati e poi futurista, sono l'Autoritratto (1928) e il suggestivo "Donna chelegge in riva al mare" (1929). Edita Broglio, fondatrice insieme con il marito Mario della rivista"Valori Plastici", firma il grande disegno preparatorio per Terrazza sul Mare (1949). Elica e LuceBalla, figlie del grande Giacomo, si ritraggono a vicenda, mentre il padre ritrae Luce che dipinge(1935). Poco nota è Lila de Nobili, costumista e scenografa, di cui viene presentata una tempera incui Maria Callas è nei panni di Violetta per la Traviata di Luchino Visconti del 1955. E poiGuttuso, Vespignani, Prampolini, Afro, Severini, Ferrazzi, Savinio, Marini. Del pittore romanoAlberto Ziveri sono le prostitute di bordello, in un piccolo quadro appartenuto a Zavattini, e ungrande ritratto della moglie, nuda, col cilindro in testa ed il ventaglio in mano, tra suonatori espettatori. Il Ritratto della Duse (1910), il Ritratto di Dina Galli (1913), e un Nudo in penombra,sono opera di Enrico Sacchetti, "un altro grande misogino - ricorda la curatrice - che amò tanto ledonne, da morire suicida per il rifiuto di una trentenne, a novant'anni". Per Mario Sironi l' Italiaè una donna vestita e fascista con il moschetto o l'elmo da ex-combattente.Diverse, incantevoli e fiabesche, le donne dello scultore Andrea Spadini. Dino Buzzati, che fu ancheartista figurativo originale, in Harem (1958) mostra un emiro che sogna grappoli di natiche emammelle senza volto. Un posto a parte è riservato ad Achille Funi, con un cartone per gli affreschidella Cattedrale di Tripoli che ritrae Felicita Frai, allieva praghese e amante del pittore, poiimmortalata in un affresco nel Palazzo Ducale di Ferrara come la giovanissima Parisina, fattadecapitare dal marito Niccolò III d'Este nel 1425 per essersi infatuata del figliastro Ugo, uccisoallo stesso modo. Monica Cardarelli - che porterà la mostra nella sua Galleria del Laooconte a Romae a dicembre nella galleria aperta recentemente in Ryder Street, nel cuore di Londra - ha scelto nona caso proprio il cartone di questa tragica "storia antica e moderna" come immagine-simbolo dellaesposizione."L'idea di mettere insieme lavori così diversi non è nata da un giorno all' altro ma è stata fruttodi un lungo lavoro - spiega - che offre spunti di riflessione per entrambi i sessi, dallo spazionegato alle donne nel secolo scorso per affermarsi in un mondo dell' arte dominato dalle figuremaschili, alle difficoltà pratiche per le pittrici di ricorrere a modelle e modelli per lo studiodel nudo, alle esperienze artistiche di coppie in cui il cognome del marito ha oscurato quello dilei, alle accademie che per lungo tempo hanno aperto le porte soltanto agli uomini".
Leggi l'articolo completo su ANSA.it

Potrebbero interessarti