La realtà nel segno di Zangelmi e Close c
Ansa

La realtà nel segno di Zangelmi e Close

(di Marzia Apice) (ANSA) - RAVENNA, 20 AGO - Diversi, ma ugualmente profondi, gli sguardi sullarealtà di Riccardo Zangelmi e Chuck Close, artisti protagonisti di due mostre al MAR - Museo d'Artedella città di Ravenna, entrambe allestite dal 5 ottobre al 12 gennaio nell'ambito della VI edizione2019 della Biennale di Mosaico Contemporaneo. E' tutto incentrato sul fanciullino che si nasconde inognuno di noi il progetto di Zangelmi, dal titolo "Forever Young": 20 le opere esposte chel'artista, primo ed unico LEGO© Certified Professional italiano in un ristretto gruppo di sole 14persone nel mondo, ha realizzato utilizzando quasi 800 mila mattoncini colorati. Proponendo alpubblico sotto una nuova luce il concetto di "assemblare" proprio del mosaico, Zangelmi, classe1981, presenta sculture di bambini che rievocano in modo poetico e al tempo stesso ironicamente Pop,oggetti, ricordi e fantasie legati all'infanzia, con l'obiettivo di celebrare il mondo dei piùpiccoli, governato dalla bellezza e dall'immaginazione più libera. Si intitola "Mosaics" il progettoespositivo dello statunitense Chuck Close che a Ravenna presenta 7 opere in mosaico di grandidimensioni, tra cui due autoritratti e i ritratti del noto musicista, cantautore e poeta Lou Reed edi colleghi artisti e amici come Lucas Samaras e Lorna Simpson, oltre a una selezione di fotografiepolaroid, a colori e in bianco e nero, alcuni arazzi lavorati su telaio jacquard, un tappeto in setaintessuto a mano, una preziosa stampa pochoir in 165 colori e un suggestivo autoritratto ottenutocon pittura a olio distribuita a mano per mezzo di stampi in feltro. Grande sperimentatore diun'ampia gamma di tecniche pittoriche, grafiche e fotografiche, tessili e, negli ultimi anni,musive, l'artista, affetto da prosopagnosia - un disturbo cognitivo che non permette di riconoscerele persone per mezzo dei soli caratteri fisionomici - è riuscito a sfruttare in modo creativo la suacondizione: Close ha infatti sviluppato una pratica artistica con cui indagare gli infiniti modi dirappresentare lo stesso soggetto, dal realismo fotografico ai limiti dell'astrazione, in unainstancabile ricerca delle possibilità di costruzione, ricostruzione e visualizzazione del voltoumano.   Ulteriore testimonianza di questa sua continua sperimentazione sono le opere realizzate con latecnica del mosaico che Close ha firmato per il progetto artistico per la Metropolitana di New York:dal 2017 12 suoi lavori della serie Subway Portraits - ritratti di importanti figure dell'arte,della musica e della cultura tra cui Cecily Brown, Philip Glass, Zhang Huan, Alex Katz, Lou Reed,Cindy Sherman e Kara Walker - si trovano nella stazione Second Avenue-86th Street di New York City.   
Leggi l'articolo completo su ANSA.it

Potrebbero interessarti